MotoGP | GP Austin: Dovizioso sulla tragedia sfiorata in Moto3, “Manca il rispetto per l’avversario”

Sulla sua gara Dovizioso ha aggiunto: "E' stato un weekend positivo"

MotoGP | GP Austin: Dovizioso sulla tragedia sfiorata in Moto3, “Manca il rispetto per l’avversario”MotoGP | GP Austin: Dovizioso sulla tragedia sfiorata in Moto3, “Manca il rispetto per l’avversario”

MotoGP GP Austin GP Americhe Yamaha Petronas SRT 2021 – Buona gara per Andrea Dovizioso ad Austin, dove si è corso il Gran Premio delle Americhe, 15esima tappa della MotoGP 2021.

Il pilota del Team Yamaha Petronas, rientrato nel Motomondiale a Misano, dopo aver perso qualche posizione in partenza, ha recuperato chiudendo tredicesimo, davanti a Luca Marini (Ducati Sky VR46 Avintia) e al team-mate Valentino Rossi.

Il “Dovi” ha anche commentato quanto accaduto durante la gara della classe Moto3, un’incidente innescato da Deniz Öncü, che solo per miracolo non si è trasformato in tragedia (clicca qui per saperne di più) e che alla fine ha portato alla squalifica del pilota turco per le prossime due gare di Misano e Portimao. Ecco cosa ha detto il #04 della Yamaha.

Dichiarazioni Andrea Dovizioso GP Austin Gara

“Ho disputato una gara abbastanza buona, sono stato costante dall’inizio alla fine ed è molto difficile qui ad Austin, sia per il calo della gomma che per il fisico. Sono contento di aver combattuto con piloti che a Misano vedevo col binocolo. Mi sarei potuto giocare la decima posizione, purtroppo ho sbagliato la partenza e forse c’è stato qualche problemino, stiamo cercando di capire, perchè per me è tutto nuovo. La mia moto ha determinate caratteristiche, se poi perdi posizioni anche in partenza si fa tutto più complicato. Posso dire che è stato un weekend positivo, rispetto a Misano abbiamo fatto un grande salto in avanti.”

Dichiarazioni Andrea Dovizioso su tragedia sfiorata classe Moto3 GP Austin Gara

“I ragazzi devono capire come si corre e devono avere rispetto degli avversari. Non diventi Campione del Mondo con queste manovre qui. Il nostro sport è già di suo pericoloso e con manovre aggressive non arrivi da nessuna parte. Chi le fa non ha capito questo sport. Ci sono dei momenti dove si può essere più aggressivi ma c’è un limite. Tornando alla tragedia di Jerez (scomparsa di Dean Berta Viñales nella gara di WSSP 300) bisogna stare più tranquilli, non è con quella manovra che diventi Campione. Andare sempre al 100%, sempre full, senza pensare non va bene e bisogna trovare il modo di penalizzarli per sensibilizzarli. Queste cose possono accadere, ma non volontariamente. Le lotte devono esserci ma con rispetto. Non entro nel merito di questa sanzione, ma i ragazzi vanno sensibilizzati.”

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati