SBK | Gp Phillip Island Gara 2: Lowes piega Bautista, Petrucci sul podio

Gara partita in ritardo e poi interrotta per un brutto incidente di Rea

SBK | Gp Phillip Island Gara 2: Lowes piega Bautista, Petrucci sul podioSBK | Gp Phillip Island Gara 2: Lowes piega Bautista, Petrucci sul podio

SBK Gp Phillip Island 2024 – Alex Lowes si aggiudica anche Gara 2 del Gran Premio d’Australia, prima tappa del Mondiale SBK 2024.

La gara, partita in ritardo, è stata poi sospesa per diversi minuti a causa di una brutta caduta di Jonathan Rea (Yamaha). Il pilota britannico, cosciente dopo l’incidente, è stato portato al centro medico per accertamenti.

Alla ripartenza, con una distanza di gara accorciata a 11 giri, Bautista (Ducati) prende subito il comando, ma Lowes (Kawasaki) e Rinaldi (Motocorsa) lo tallonano. Nel finale il pilota riminese è costretto ad alzare bandiera bianca, ma il britannico con un sorpasso all’estero su Bautista all’ultimo giro riesce a conquistare la vittoria, la seconda di questa domenica dopo la Superpole Race.

Sul terzo gradino del podio un ottimo Danilo Petrucci (Barni) che dopo una strenua rimonta si è giocato il podio fino alla fine con un incredibile Andrea Iannone (Go Eleven), quarto.

Dopo aver lottato per la vittoria, le gomme di Michael Rinaldi hanno perso performance, costringendo il riminese a chiudere sesto alle spalle di Nicolò Bulega (Ducati Aruba).

Settimo posto per Sam Lowes (Marc VdS) che precede Garrett Gerloff (Bonovo Action BMW) e Dominique Aegerter (GYTR GRT Yamaha). Michael van der Mark (ROKiT BMW) completa la top ten.

Fuori dai 10 Axel Bassani (Kawasaki) che chiude undicesimo.

Oltre alla caduta di Rea è da segnalare la rottura del motore di Toprak Razgatlıoğlu (ROKiT BMW), prima della bandiera rossa, e l’high-side, fortunatamente senza conseguenze di Andrea Locatelli (Yamaha) all’ultimo giro mentre era in lotta per il podio.

5/5 - (1 vote)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in In evidenza

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati