MotoGP Qatar: Ben Spies ” La cosa più importante è che abbiamo fatto la prima gara”

Lo statunitense della Ducati Chiude nella Top Ten una gara sofferta fisicamente

MotoGP Qatar: Ben Spies ” La cosa più importante è che abbiamo fatto la prima gara”MotoGP Qatar: Ben Spies ” La cosa più importante è che abbiamo fatto la prima gara”

Ben Spies ha chiuso al decimo posto la prima gara del motomondiale 2013. Il rider del Team Pramac nonostante i postumi della brutta caduta di ieri è riuscito a portare a termine la gara, definendo la decima posizione finale come la più bella della sua carriera. Ecco cosa ha dichiarato nel post-gara.

“E’ stata la più bella decima posizione della mia carriera. E’ andata bene, siamo riusciti a partire anche se sapevo che non avrei potuto mantenere lo stesso ritmo per tutta la gara. Pensavo di non riuscire ad arrivare alla fine a causa della caduta di ieri e dello sforzo a cui ho sottoposto la spalla durante le prove. Appena mi sono accorto che la Top Ten era raggiungibile ho spinto quanto potevo e ci sono arrivato. Ringrazio i ragazzi per aver reno la moto il più facile possibile da guidare e sono contento. La cosa più importante è che abbiamo fatto la prima gara.”

Foto: Alex Farinelli

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

3 commenti
  1. Avatar

    kappa

    8 Aprile 2013 at 14:12

    dispiace vedere ben spies così indietro…

    • Avatar

      n75

      8 Aprile 2013 at 15:02

      Spero che tempo un mese lo vedremo un po’ più in forma

  2. Avatar

    Vecchio Lupo

    10 Aprile 2013 at 17:32

    Questo ragazzone texano ha grandi doti,ma e’ un po’strano…….se trovasse qualcuno che lo rendesse felice secondo me sarebbe uno di quelli forti.Facciamo una colletta e mandiamogli Belen,secondo me si sblocca!!!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Superbike

Superbike: Statistiche post Losail

worldsbk.com da i numeri dell'ultimo round della stagione, che ha deciso il Mondiale.
Condividi su WhatsAppArchiviato anche il 12esimo round del Campionato Mondiale Superbike, e con lui l’intera stagione 2014, è tempo di