MotoGP | Yamaha, veto su Alex Marquez per i fatti del 2015

A rivelarlo un documentario su DAZN che parla del più piccolo dei fratelli Marquez

MotoGP | Yamaha, veto su Alex Marquez per i fatti del 2015 MotoGP | Yamaha, veto su Alex Marquez per i fatti del 2015

MotoGP Yamaha – Un documentario su DAZN ha spiegato come la Yamaha pose un veto sull’arrivo di Alex Marquez alla casa di Iwata.

Il veto fu posto dopo i fatti di Sepang tra Marc Marquez e Valentino Rossi, con quest’ultimo che fu costretto a partire dal fondo della griglia a Valencia, arrivando poi quarto, con il titolo andato a Jorge Lorenzo.

Nel documentario intitolato “Alex”, uscito il 6 dicembre 2023 è stato lo stesso Marquez a rivelare che aveva addirittura firmato un accordo con la squadra fondata da Razlan Razali, ma che la Yamaha non approvò perchè c’era un veto sui fratelli Marquez.

Dichiarazioni Alex Marquez Veto Yamaha su Fratelli Marquez

“Il 2019 è stato il mio quinto anno in Moto2 ed ero stanco di essere criticato per questo. Erano anni che volevo passare in MotoGP e a metà stagione a Brno mi è stato offerto un altro anno in Moto2 e poi due anni con Petronas Yamaha in MotoGP. Fabio Quartararo era in lotta davanti, la moto mi piaceva e pensavo che si adattasse bene al mio stile di guida. Ma per ‘X’ motivi non ha funzionato. Non lo chiamerei un veto, ma non c’è stato nulla da parte della Yamaha. Hanno dato il loro ok per un anno in Moto2 con Petronas, ma non per i due anni in MotoGP. È successo tutto molto velocemente, da una settimana all’altra, ma vista la situazione, ho deciso con il mio team di non farlo e di rimanere con Marc VDS per un altro anno.”

Dichiarazioni Razlan Razali Veto Yamaha su Fratelli Marquez

“Ero il team manager del Petronas Sepang Racing Team. Nel 2019 avevamo una moto in Moto2, ma per il 2020 Dorna ci ha dato un secondo slot. Mi piaceva Alex Marquez, era nella mia lista dei candidati. Quindi abbiamo avuto alcuni incontri segreti e abbiamo firmato per farlo correre per noi in Moto2 per un anno e poi lasciare che passasse in MotoGP nel 2021 non appena Fabio Quartararo fosse andato trasferito nel team ufficiale. Abbiamo firmato nell’agosto 2019, alle 22 di sera. Ho detto alla Yamaha che avrei ingaggiato Alex Marquez per la Moto2 e poi per la MotoGP. Ma Yamaha ha risposto: ‘No, nessun membro della famiglia Marquez è autorizzato a venire in Yamaha’. Ho chiesto: ‘Perché? Questa è la mia squadra…’ Ma è dipeso da Marc Marquez e da quello che è successo nel 2015. Per loro era diventata una questione personale.”

5/5 - (1 vote)
Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in In evidenza

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati