Moto3 Sachsenring: metodo di lavoro rivoluzionato per Ferrari e Manzi, in attesa di risultati

32° e 34° tempo per i ragazzi del Team Italia

Moto3 Sachsenring: metodo di lavoro rivoluzionato per Ferrari e Manzi, in attesa di risultatiMoto3 Sachsenring: metodo di lavoro rivoluzionato per Ferrari e Manzi, in attesa di risultati

Moto3 2015 GP Germania Day 1: il Team Italia ha deciso di modificare il metodo di lavoro a partire dal Gran Premio di Germania per cercare di porre rimedio alla difficile situazione in cui versano i piloti da inizio stagione. Il feeling per Matteo Ferrari sembra migliorato anche se non ancora ottimale ed oggi ha concluso la prima giornata di prove con il 32° crono (1’29″229). Appena dietro si è classificato il compagno di squadra Stefano Manzi, 34° (1’29″702) a seguito di un secondo turno caratterizzato da diversi errori.

“Questo weekend con la squadra stiamo seguendo una strada inedita per migliorare il mio feeling con la moto – ha spiegato Matteo Ferrari. Su questo aspetto ci sono dei riscontri incoraggianti, soprattutto in fase di staccata mi trovo bene e ho fiducia. Dobbiamo tuttavia trovare un buon compromesso quando si apre il gas, riscontro sempre poco grip al posteriore e, su questo tracciato, da sempre è particolarmente penalizzante al riscontro del cronometro. Con la squadra cercheremo di trovare una soluzione perchè, una volta sistemata quest’area, possiamo attestarci su livelli più consoni al nostro potenziale”.

“Non è stata una giornata particolarmente positiva – ha detto Stefano Manzi. Questo pomeriggio non sono riuscito ad esprimermi su tempi competitivi, inoltre in due distinte occasioni mi è entrata inavvertitamente la folle e sono finito fuori pista. Su questo tracciato perdiamo troppo nei curvoni veloci, qui si fa il tempo e non ho sufficiente feeling. Di sicuro faremo del nostro meglio per risalire la classifica domani”.

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati