Superbike | Round Repubblica Ceca, Gara2: Redding rompe il digiuno

Il pilota Ducati vince e torna in corsa per il titolo mondiale

Superbike | Round Repubblica Ceca, Gara2: Redding rompe il digiunoSuperbike | Round Repubblica Ceca, Gara2: Redding rompe il digiuno

Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati) rompe finalmente un digiuno di 13 gare senza vittoria ottenendo il successo in Gara2 del Round Tissot della Repubblica Ceca, che per la prima volta si disputato all’Autodrom Most.

Dopo aver sfiorato la vittoria in Gara 1, beffato all’ultimo giro da Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha with BRIXX WorldSBK), ha centrato il successo nell’ultima gara del weekend, nonostante una partenza tutt’altro che entusiasmante. Redding è riuscito ad avere la meglio su Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK), Andrea Locatelli (Pata Yamaha with BRIXX WorldSBK) e Razgatlioglu andandosi a prendere quella vittoria che gli mancava da Gara 1 all’Estoril.
Redding è arrivato al weekend in programma all’Autodrom Most con 81 punti di distacco dal leader della classifica Rea e ora ha ridotto le distanze a 50 lunghezze.
Razgatlioglu, invece, con il secondo posto in Gara2, arrivato dopo le vittorie in Gara1 e Tissot Superpole Race, ha ridotto a soli 3 punti il distacco dal leader Jonathan Rea, giunto terzo nell’ultima corsa del fine settimana.
La lotta al titolo mondiale è quindi molto serrata!

In merito al Campionato, Redding ha dichiarato: “Non sto pensando al Campionato, non più dopo la caduta all’Estoril e il terribile weekend di Donington. A Misano non è andata bene. Semplicemente non ci penso più. Questo mi comportava un po’ di stress e quindi ora prendo semplicemente ogni weekend come viene. Se non riesco a vincere e devo arrivare terzo, accetto il terzo posto. Questo è tutto quello che posso fare. Sono soddisfatto e non stressato se a fine weekend so di aver fatto tutto quello che era nelle mie possibilità. Se penso alla prossima gara allora inizio a commettere degli errori. Sono arrivato qui nello stesso modo in cui sono arrivato ad Assen. Rilassato, tranquillo e ho pensato solo a correre facendo del mio meglio e a conquistare la vittoria. Un ottimo weekend e come sempre avevo fame di successi. Avevo la moto ‘giusta’ per farcela e questo è ciò che fa la differenza”.

In merito al ritorno alla vittoria di Redding e Ducati, il team principal Aruba.it Racing – Ducati Serafino Foti ha detto che il Campionato è ancora aperto: “Il weekend è andato benissimo dato che i nostri ragazzi hanno fatto un gran lavoro, hanno dato a Scott una moto ottima e ovviamente Scott ha dato il 110% per vincere tutte le gare. Voglio ringraziare tutti i ragazzi e soprattutto Scott che ha fatto un lavoro davvero eccezionale. Il Campionato è aperto, 50 punti sono tanti ma non ci arrenderemo. Il nostro approccio è quello di dare sempre il 110% e ci sono tante gare da qui alla fine della stagione. Proveremo a tenere aperto il Campionato nelle prossime gare”.

Le stesse incognite che hanno accompagnato il WorldSBK all’esordio assoluto all’Autodrom Most torneranno anche nel prossimo Round in programma al Circuito de Navarra, anche questo al debutto nel calendario del mondiale delle derivate di serie. I team hanno svolto test sulla pista spagnola nel corso del 2021, le condizioni che troveranno saranno diverse da allora e anche questa quindi potrebbe essere un’ottima occasione per Redding per ridurre ulteriormente le distanze.

Motorionline.com è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News,
se vuoi essere sempre aggiornato sulle nostre notizie
Seguici qui
Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati