MotoGP, Test Valencia Day 1: Andrea Iannone “Bella soddisfazione essere pilota ufficiale Ducati”

L'ex pilota del Team Pramac ha debuttato oggi a Valencia con quello ufficiale Ducati

MotoGP, Test Valencia Day 1: Andrea Iannone “Bella soddisfazione essere pilota ufficiale Ducati”MotoGP, Test Valencia Day 1: Andrea Iannone “Bella soddisfazione essere pilota ufficiale Ducati”

Prima giornata da pilota ufficiale Ducati per Andrea Iannone e primo test in ottica 2015. Il pilota abruzzese è sceso in pista con la stessa moto utilizzata in gara, la GP14.2, ma con una nuova squadra, anche se è stato seguito dal suo Track engineer Marco Rigamonti, che ha lasciato il suo posto nel Team Pramac a Daniele Romagnoli. Ecco cosa ci ha raccontato alla fine di questa giornata.

“Sono molto contento di aver raggiunto questo posto in questo Team ufficiale. Era quello che desideravo, che da tanto sognavo, che ho cercato di costruire in questi due anni. Sicuramente è stata una giornata molto importante, anche perchè avevo una squadra nuova, con cui mi trovo già abbastanza bene.”

Tecnicamente hai avuto qualche novità?

“Per l’aspetto tecnico nessuna novità. Ho provato la GP14.2, quella che abbiamo da Aragon. La nuova moto dovrebbe essere pronta da Sepang, speriamo vada tutto bene. Sono fiducioso.”

Come cambiano le motivazioni?

“Cambiano tante cose, anche quello che le persone si aspettano da te. Sono un pilota ufficiale a tutti gli effetti, devo cercare di trovare quel qualcosa in più, ma era quello che volevo anche prima. Ora lavoro a più stretto contatto con le persone con cui prima lavoravo in maniera più distaccata.”

Il #29 ha ottenuto il quinto crono della giornata, prima Ducati in pista.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  • Ronnie ha detto:

    L’unica cosa che gli manca è la costanza, e il portare a casa il risultato.

    In questo non è ancora pronto per una ufficiale ma le scelte sono quelel che sono, non avevano tante possibilità, e meglio prenderne uno un po’ fuori di testa ma che si fa vedere la davanti e che è aggressivo e ci prova sempre che una seconda guida anonima.

    Infondo per il mondiale hanno già Dovizioso, di sicuro Iannone può essere uno stimolo anche per il Dovi che oltre che portare a casa il risultato dovrà sicuramente avere qualche spunto in più in qualifica e durante la gara. Anche se alla fine il modo di correre di Dovizioso, ha pagato di più, basta vedere i punti a fine stagione.

    1. TONYKART ha detto:

      E’ anche vero che se un marquez avesse debuttato su una ducati anche lui avrebbe incontrato le difficoltà di iannone …

      1. Ronnie ha detto:

        Ho qualche dubbio sulle stesse.
        Avrebbe incontrato difficoltà, non le stesse identiche di Iannone.

        Marquez ha vinto 3 mondiali di fila, se ti stai chiedendo perché 3 e non 2 è perché ha vinto Moto2 MotoGP MotoGP.

        4 anni fa aveva il livello di Iannone quest’anno, 4 anni fa arrivò secondo dietro a Bradl nel mondiale Moto2. Lo perse per 23 punti, mi pare lo perse anche a causa si un infortuneo.

        Parliamoci chiaro Marquez l’anno scorso su una Ducati avrebbe fatto più punti di Iannone, e quest’anno su una Ducati avrebbe rischiato di fare i punti di Dovizioso o arrivarci molto vicino, quindi io non li paragonerei tanto.

  • umbe81 ha detto:

    Ripongo in te le mie speranze caro Iannone.. comunque penso sia una scelta azzeccata , perlomeno secondo me garantirà una certa imprevedibilità (vedi ieri) e una speranzina per una vittoria in un qualsiasi gp ce l’ho..

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati