MotoGP: Shuhei Nakamoto a 360° nella conferenza stampa di fine anno

Il vice-presidente HRC ha parlato del 2012, dei nuovi regolamenti e di Marc Marquez

MotoGP: Shuhei Nakamoto a 360° nella conferenza stampa di fine annoMotoGP: Shuhei Nakamoto a 360° nella conferenza stampa di fine anno

Shuhei Nakamoto ha tenuto questa mattina nell’hospitality Honda HRC la conferenza stampa di fine stagione. Il #1 di HRC ha risposto alle domande sulla stagione in corso e anche sulle nuove regole che sono state ufficializzate proprio nel week-end spagnolo, tra cui quella sulla centralina unica. Di seguito le sue parole.

“Abbiamo vinto il campionato costruttori, un ottimo risultato per la Honda. Non siamo riusciti a vincere quello piloti, Pedrosa ha sbagliato una volta ma siamo stati molto competitivi sia con Dani (Pedrosa, ndr) che con Casey (Stoner, ndr), questo nonostante il suo infortunio.”

Gli è poi stato chiesto un parere sul prossimo pilota HRC, Marc Marquez, che ieri è stato autore di una grande rimonta e che da domani sarà in sella alla RC213V.

“Marc (Marquez, ndr) ha un grande talento, ma la MotoGP è una categoria difficile. Non ci aspettiamo nulla di particolare da lui, ma ha tutto l’appoggio della Honda.”

Ha poi parlato dei nuovi regolamenti, che prevedono tra l’altro l’arrivo nel 2014 della centralina unica, che però non sarà obbligatoria per le case appartenenti alla MSMA, che potranno si utilizzare ancora la loro centralina, ma con una riduzione del serbatoio da 24 a 20 litri. Chi invece deciderà di utilizzare la nuova ECU (che dovrebbe essere della Magneti Marelli) potrà continuare ad avere capacita del serbatoio da 24 litri.

“L’accordo raggiunto ci soddisfa, noi continueremo ad utilizzare la nostra centralina, consapevoli del fatto che ci sarà una riduzione dei litri da 24 a 20. Stiamo lavorando per fare in modo che questo non rappresenti un problema, così come quello dei cinque motori. Sviluppare in software è per noi fondamentale.”

Gli è poi stato chiesto se fossero interessati ad entrare in forma ufficiale nella Moto2 e nella Moto3. “Non siamo interessati ad entrare con un nostro progetto ed una nostra moto, ci limitiamo a fornire i motori.” Gli è stato fatto allora notare che ai box c’è gente con il logo HRC e ridendo ha risposto “Avranno delle felpe replica!”.

Ad una precisa domanda sull’impegno Honda in Superbike ha detto. “La Superbike non ci interessa, dal 2008 non è nei nostri piani.”

Ad una precisa domanda sulla nuova Honda per i privati ha detto “Lo sviluppo della moto è iniziato, ma non sappiamo quando scenderà in pista. La utilizzerà Kiyonari.”

Foto: Redazione

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    Rob

    12 Novembre 2012 at 14:54

    Sono d’accordissimo con te Francesco…

    Anzi,io farei correre le supersport al posto della moto2…categoria ridicola….che gira 2 secondi più piano delle supersport….

    In più cosi il cliente compra ciò che vede vincere….e no una Shooter oppure una Ariston/Kalex o altre fabbriche di elettrodomestici…

    O una moto è una vera moto da corsa….oppure è meglio far correre le moto di serie con il regolamento come la supersport…

    Buona giornata a tutti…:-)

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati