MotoGP – Sete Gibernau senza squadra, si ritira il Gruppo Francisco Hernando

MotoGP – Sete Gibernau senza squadra, si ritira il Gruppo Francisco HernandoMotoGP – Sete Gibernau senza squadra, si ritira il Gruppo Francisco Hernando

Una notizia inaspettata è arrivata questa sera ed è un fulmine a ciel sereno, Il Grupo Francisco Hernando, la squadra che schiera Sete Gibernau nel motomondiale classe MotoGP con una Ducati si ritira infatti con effetto immediato. La comunicazione arrivata in serata parla di ritiro per crisi economica. Ad essere sorpreso di questo comunicato è soprattutto il pilota spagnolo che non era a conoscenza della volontà dello sponsor di ritirarsi. A questo punto la stagione dell’ex campione del mondo della MotoGP si interrompe bruscamente, proprio nell’anno del rientro. Ecco i comunicati di Team e pilota così come riportati da “La Stampa” edizione online.

Gruppo Francisco Hernando: “Con la presente dichiarazione informiamo che il team di MotoGP, “Grupo Francisco Hernando” non finirà la stagione 2009 del Motomondiale. Le ragioni di questa chiusura sono dovute alla crisi che stiamo vivendo a livello mondiale. Il “Gruppo Francisco Hernando” ha deciso quindi di concentrarsi esclusivamente sugli investimenti nel settore delle costruzioni.”

Sete Gibernau: “Il primo a essere stupito di quanto è successo sono io. Io per primo, poi tutti gli altri, abbiamo lottato a fondo e ci siamo impegnati per realizzare questo progetto. A livello personale è stata una scommessa coraggiosa, fatta con l’illusione di poter dire qualcosa in questo mondiale. E’ un peccato che proprio adesso che eravamo vicino a raccogliere i primi risultati positivi, dobbiamo lasciare. Voglio ringraziare gli sponsor personali che hanno creduto in me, come Arai, Spidi, Air Europa e AC Hotels, i tifosi: ho ricevuto grandi attestati di stima e affetto. Ora dovrò concentrami nel trovare un’altra possibilità per concludere il mondiale. Non sarà facile, ma ci proverò con tutte le mie forze.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati