MotoGP Sepang: Andrea Dovizioso “Con l’asciutto potevo giocarmi la vittoria con Pedrosa e Lorenzo”

Il forlivese chiude 13° dopo una caduta mentre era in lotta con Stoner per il podio

MotoGP Sepang: Andrea Dovizioso “Con l’asciutto potevo giocarmi la vittoria con Pedrosa e Lorenzo”MotoGP Sepang: Andrea Dovizioso “Con l’asciutto potevo giocarmi la vittoria con Pedrosa e Lorenzo”

Andrea Dovizioso chiude al 13° posto una gara in cui partiva dalla prima fila e che poteva vederlo, con l’asciutto, lottare con le moto ufficiali. Invece per il pilota del team Monster Yamaha Tech3 è finita con una caduta e con tanta delusione. Il forlivese è partito male sotto la pioggia ma poi ha recuperato alla grande fino ad iniziare a tallonare Stoner che occupava il 3° posto. Purtroppo però per spingere al limite per superare l’australiano, il Dovi è caduto. Ripartito ha chiuso 13° ed ultimo staccatissimo anche dalle Crt, un vero peccato per lui che pensava di potersela giocare con Lorenzo e Pedrosa per la vittoria.

“Ho fatto una pessima partenza perchè sono scivolato poichè nel punto dove ero io in partenza c’era qualcosa – ha affermato Dovizioso a SportMediaset – poi però ho recuperato bene nei primi giri ed ero a ridosso di Stoner e del podio ma sono caduto. E’ stato un peccato perchè non avevamo mai provato con il bagnato e quindi non avevamo nessun riferimento. Per questo all’inizio andavo più piano poi ho preso il ritmo e stavo andando forte. Avevamo fatto un weekend perfetto fino a ieri e sono sicuro che avrei fatto una bella gara sull’asciutto e potevo giocarmela con Lorenzo e Pedrosa, peccato, ma queste sono le gare”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

4 commenti
  1. Avatar

    n75

    21 Ottobre 2012 at 16:12

    Coi se e coi ma…

  2. Avatar

    bibo

    21 Ottobre 2012 at 19:46

    forse stava sognando….

  3. Avatar

    Lyon66

    21 Ottobre 2012 at 20:41

    Buon 2013.

    Avrai sicuramente più soddisfazioni.

  4. Avatar

    bibo

    22 Ottobre 2012 at 13:43

    forse si…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati