MotoGP | GP Germania Day 1: Francesco Bagnaia, “Non sono preoccupato”

Bagnaia ha aggiunto: "Qui sono più io a dover fare la differenza rispetto alla mia Ducati"

MotoGP | GP Germania Day 1: Francesco Bagnaia, “Non sono preoccupato”MotoGP | GP Germania Day 1: Francesco Bagnaia, “Non sono preoccupato”

MotoGP GP Germania Sachsenring Ducati 2021 – Francesco Bagnaia nonostante l’ultimo posto nella classifica dei tempi della prima giornata di prove del Gran Premio di Germania classe MotoGP, non si è detto preoccupato.

Il pilota della Ducati non ha infatti utilizzato la gomma nuova, ma ha portato a termine un lavoro in ottica gara girando sempre con la stessa gomma. Ecco cosa ha detto “Pecco”.

Dichiarazioni Francesco Bagnaia GP Germania Sachsenring Day 1

“Non sono preoccupato e non sono giù di morale, anche se certamente non fa piacere essere ultimo nella classifica dei tempi. La MotoGP di oggi è ad un livello mai visto prima, quindi è normale essere indietro se non si prova un time-attack. Marquez è più avanti di noi con le gomme usate, ma lui è partito con delle gomme dure e poi a metà turno ha messo delle medie. Lo scorso anno era una costante, anche perchè facevo il time-attack solo il sabato mattina. Sono abbastanza contento del lavoro fatto oggi perchè siamo migliorati e abbiamo avuto un passo costante, cosa che non avevo a Barcellona, soprattutto nell’ultima fase di gara. Oggi siamo stati costanti fino a fine gomma. Domani faremo un passo avanti. Sono abbastanza soddisfatto, non contento perchè sono ultimo, ma soddisfatto perchè oggi abbiamo fatto un bel lavoro.”

Dichiarazioni Francesco Bagnaia differenza moto o pilota GP Germania Sachsenring Day 1

“La differenza secondo me la fa sempre il pilota. Ci sono piste dove la nostra moto si adatta peggio o meglio. Qui la differenza devo farla più io che la moto, perchè oggi quando sono partito mi sono trovato bene. Devo mettere insieme un giro veloce completo e come detto è più il pilota a fare la differenza.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati