Moto3 Austin: Parola ai piloti italiani, ancora una volta tra i protagonisti del gp

Microfono a Bastiani, Locatelli, Fenati, Migno, Ferrari, Bagnaia, Antonelli e gli altri pilotini azzurri

Moto3 Austin: Parola ai piloti italiani, ancora una volta tra i protagonisti del gpMoto3 Austin: Parola ai piloti italiani, ancora una volta tra i protagonisti del gp

Il gran premio del COTA ad Austin si chiude senza nessuno dei nostri pilotini sul podio, ma nonostante ciò i nostri hanno comunque disputato un ottima prova, confermando le buone sensazioni fatte vedere a Losail 15 giorni fa. Sul traguardo il primo degli italiani è Enea Bastianini che chiude la volata finale con il 4° posto, poi troviamo Andrea Locatelli e Romani Fenati 7° ed 8°, mentre 12° arriva Andrea Migno e 15° Matteo Ferrari. Cadute per Niccolò Antonelli al secondo giro mentre era 2° e Pecco Bagnaia mentre lottava per il podio. Tutti gli altri pilotini azzurri chiudono fuori dalla zona punti.

“Sono soddisfatto perché ho corso un’altra bella gara in rimonta – ha affermato Enea Bastianini – quando ero in bagarre con gli altri piloti ci sono stati vari contatti che mi hanno fatto perdere terreno e per questo mi sono dovuto rifare sotto diverse volte, riuscendo in ogni caso a mantenere nel finale il contatto con i piloti in lotta per il podio. Purtroppo all’ultimo giro ho faticato a tenere la scia dei piloti davanti a me in rettilineo, ma ho comunque superato Masbou e agguantato il quarto posto. All’ultima curva ho anche provato ad attaccare Vazquez per il podio, ma era troppo lontano ed ero già al limite. Questo fine settimana Kent ha fatto veramente la differenza, mentre noi avremo forse potuto ottenere qualcosa in più se le condizioni meteo non avessero rallentato il nostro lavoro in prova, ma va benissimo così: i punti del quarto posto sono molto importanti per il campionato”

“A inizio gara, quando ho visto Kent allungare, ho provato anch’io a spingere per prendere un po’ di margine sul gruppetto e provare a stare con lui – ha aggiunto Andrea Locatelli – ma ho fatto qualche errorino e così ho dovuto continuare a lottare tanto in mezzo agli altri piloti. Purtroppo poco dopo metà gara ho dovuto schivare la moto di Oliveira e lì ho perso un sacco di tempo… Peccato, ma queste sono le gare e tutto sommato sono anche stato fortunato ad evitare la moto per un pelo e continuare. A quel punto avevo perso il contatto con il gruppo di testa e anche se potevo contare su un buon passo non c’era più possibilità di riagganciarlo, così mi sono giocato la posizione con Fenati, avendo poi la meglio nel finale. Potevamo raccogliere di più, ma va benissimo così: questo risultato per me vale come un podio”

“E’ stata una bella gara – ha affermato Romano Fenati – passare dal gruppo dei 20 ai primi 10 è un bel passo in avanti. Ma non ci accontentiamo. Oggi la partenza è stata buona, poi la gomma è un po’ calata rallentando la corsa. Dobbiamo continuare a fare progressi nella messa a punto per avere una moto ancora più competitiva. Stiamo lavorando tanto in questa direzione e in Argentina ripartiremo da qui per ottenere ancora di più”

“Il week end era partito positivamente – ha dichiarato Niccolò Antonelli – siamo stati sempre davanti in tutti i turni. Peccato per oggi, purtroppo le condizioni della pista erano un po’ particolari, sono passato su una chiazza di bagnato, quando ero in seconda posizione e sono scivolato. Ho voluto comunque terminare la gara perché era importante continuare a girare. Adesso voliamo in Argentina, speriamo di avere un po’ più di fortuna e che le condizioni della pista siano migliori”.

“Anche se partivo più indietro rispetto al gp di Losail – ha detto Pecco Bagnaia – ho fatto comunque un ottima partenza recuperando subito posizioni. Purtroppo ancora una volta la velocità di punta ci penalizza e così passavo in frenata diversi piloti, ma poi mi ripassavano sul rettilineo. La cosa positiva è che ancora una volta ho lottato con i migliori, peccato però per la caduta che mi lascia senza punti. Comunque dobbiamo essere positivi perchè abbiamo lottato per il podio in entrambe le gare”

“Sono soddisfatto della prestazione e del risultato – ha aggiunto Andrea Migno – tutto il team ha lavorato tanto per fare questo step in avanti, ma dovremo fare di più per migliorare ed essere costanti. Dovremo continuare a concentrarci sulla messa a punto per aumentare il feeling e restare a questi livelli. La gara di oggi è stata impegnativa, ho avuto qualche problema a metà corsa rallentando rispetto al mio gruppetto di riferimento, ma alla fine ho tenuto duro”

“Sono contento di aver centrato la zona punti – ha dichiarato Matteo Ferrari – ma mi rincresce un pò pensando che si poteva concludere più avanti in classifica. In squadra possiamo esser soddisfatti del lavoro compiuto nell’arco del fine settimana. Siamo stati costanti e questo è positivo per le prossime gare a cominciare dall’Argentina dove daremo il 110 %”

“Sono partito molto bene – ha aggiunto Stefano Manzi – ritrovandomi diciottesimo nelle prime fasi di gara, ma sfortunatamente per evitare un altro pilota sono finito a terra. Di fatto da quel momento non c’è stato più nulla da fare per conquistare la zona punti, ho perso troppo tempo per questo episodio sfortunato. Peccato perchè con la moto avevo un gran feeling, senza quel contrattempo poteva esser un esordio nel Mondiale positivo”

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati