Superbike: Primo bilancio di stagione per Davide Giugliano

Il pilota italiano della Ducati punta ad un finale di campionato in crescendo.

Superbike: Primo bilancio di stagione per Davide GiuglianoSuperbike: Primo bilancio di stagione per Davide Giugliano

Il binomio tutto italiano Giugliano-Ducati Superbike finora ha ottenuto risultati altalenanti, frutto della grande velocità in qualifica e della poca concretezza in gara, nonostante ci fossero tutti i presupposti per fare bene.
I primi nove round hanno visto il pilota romano, che è alla prima stagione da “ufficiale”, conquistare il podio ad Assen e Portimao e ottenere la pole position a Donington: numeri importanti, ma Giugliano vuole incrementare da qui alla fine del campionato.

“Questa prima parte di stagione non la valuto ne bene ne male, diciamo che sono nel bel mezzo di una situazione un po’ particolare” – ha dichiarato Davide Giugliano – “Se è vero che siamo molto veloci, è altrettanto vero che sbagliamo tanto, o meglio sbaglio tanto. Sono su un filo abbastanza sottile dove cammino al limite e questo non è buono. Dobbiamo migliorare sotto questo punto di vista e io devo cercare di concretizzare un po’ di più”.

Il 2014 volge al termine, ma c’è ancora tempo per fare bene, ha detto sempre il pilota:
“Mi aspetto di fare buone gare da qui al termine della stagione. Non bisogna strafare ma bisogna fare. C’è da portare la moto al traguardo, questa è la cosa più importante. La velocità non è mai mancata, sono sempre stato o quasi tra i primi tre, mi è mancata un po’ di costanza e questa va trovata”.

Infine un commento sulla sua sua Ducati 1199 Panigale R:
“È cambiata tantissimo, abbiamo fatto un grande lavoro a livello di sviluppo, grazie a Baiocco, nostro collaudatore, senza contare che io e Chaz ci abbiamo messo un po’ del nostro che sicuramente ha aiutato”.

Con quattro appuntamenti ancora da disputare, Davide Giugliano è attualmente settimo in classifica generale, a sei lunghezze dal compagno di team Chaz Davies.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati