MotoGP – La Yamaha pronta a festeggiare a Laguna Seca, parla Luca Cadalora

MotoGP – La Yamaha pronta a festeggiare a Laguna Seca, parla Luca CadaloraMotoGP – La Yamaha pronta a festeggiare a Laguna Seca, parla Luca Cadalora

Il rullino di marcia della Yamaha nei GP corsi a Laguna Seca è impareggiabile, con addirittura cinque delle sei gare della classe 500cc che si sono tenute su questo circuito vinte da pilota in sella ad una YZR500. La vittoria nella prima gara del 1988 di Eddie Lawson è stata la prima di una serie continuata con le sorprendenti vittorie di Wayne Rainey tra il 1989 e il 1991. Una vittoria solitaria di John Kocinski sulla Cagiva ha interrotto il dominio Yamaha in un’edizione della gara californiana che ha confermato il predominio nazionale con tre piloti americani sul podio.

Valentino Rossi cercherà di ribaltare il pronostico che vede i piloti americani favoriti, ma sa che c’è stato un solo pilota in passato a riuscire in questo intento. Il connazionale Luca Cadalora ha vinto l’ultima gara che si è corsa a Laguna Seca, nel 1994, battendo Kocinski e l’australiano Doohan ed è diventato l’unico non-americano ad aver mai vinto sul circuito nelle vicinanze di Monterey nella storia della classe regina.

“E’ stato molto bello, perché mi ricordo che il fine settimana precedente la gara avevo fatto un’apparizione televisiva su un canale americano in cui avevano sostenuto che solo un pilota americano avrebbe potuto vincere a Laguna e quindi è stato un grande piacere dimostrare che avevano torto!”, ricorda Cadalora. “E’ stato fantastico, la pista di Laguna Seca mi è sempre piaciuta moltissimo. Ci avevo già vinto nel 1991 con la 250, ma vincere con la 500cc è stato speciale. C’è stata una lotta incredibile con Kocinski sulla Cagiva e Mick Doohan aulla Honda – facevamo tutto il circuito in costante derapata. E’ stato divertentissimo.”

“Non vedo l’ora di vedere girare le quattro-tempi. Non è una pista velocissima, ma ci sono delle curve davvero belle – come quella prima del cavatappi e l’ultima in discesa. Saranno punti di grande spettacolarità e saranno anche fondamentali per un buon tempo sul giro. Da quello che posso vedere, dovrebbe essere una pista che si adatta bene alla M1 vista la sua grande maneggevolezza. Inoltre, gli ingegneri Yamaha, e tutta la squadra, hanno fatto un ottimo lavoro nel creare una moto che sia facile da mettere a punto in modo che Valentino e Colin siano in grado di trovare subito un buon passo.

“Sono convinto che Valentino si innamorerà di questa pista e dell’atmosfera in generale. Monterey è un posto bellissimo. Era uno dei miei posti preferiti quando correvo, sia per il posto che per i fan che facevano di Laguna Seca uno dei posti più belli per correre.”

Yamaha MotoGP

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati