MotoGP | Capirossi spiega: “Nessun problema legato alla notte, la vera difficoltà è il drenaggio”

"Situazione in constante monitoraggio" ha aggiunto

MotoGP | Capirossi spiega: “Nessun problema legato alla notte, la vera difficoltà è il drenaggio”MotoGP | Capirossi spiega: “Nessun problema legato alla notte, la vera difficoltà è il drenaggio”

Losail, Qatar – In una conferenza stampa organizzata dalla DORNA nella serata italiana di ieri, Loris Capirossi ha spiegato i motivi che hanno spinto la Direzione Gara presente in Qatar di annullare le prime qualifiche della stagione. L’attuale Responsabile della Sicurezza in pista ha sottolineato come il problema principale non siano le luci artificiali con la pioggia, bensì la qualità del drenaggio della pista di Losail.

Il tracciato qatariota non è infatti progettato per affrontare una determinata quantità d’acqua e proprio per questo risulta impossibile far correre i piloti con dei veri e propri acquazzoni. Soprattutto nella zona dei cordoli si creano dei fiumi che non consentono l’attività di pista in modo sicuro. L’obiettivo per l’edizione 2018 sarà proprio lavorare in tal senso, magari ri-asfaltando il tracciato ed organizzando una giornata di test completamente sul bagnato per bypassare situazioni di questo tipo.

Ecco le parole di Loris Capirossi: “Il vero problema non sono le luci artificiali. Chiaramente l’ultima parola spetta ai piloti e proprio in tal senso vedremo di organizzare una giornata di test completamente sul bagnato per il 2018, ma questo inverno con Franco Uncini abbiamo verificato la visibilità della pista ed era tutto ok. Il vero problema sono le pozze d’acqua. Abbiamo a e l’impianto di drenaggio del tracciato. Il circuito non è progettato per supportare una tale quantità acqua e soprattutto nella zona dei cordoli si creano dei laghi. Abbiamo provato ad aspirare l’acqua con delle pompe, ma la situazione non è cambiata di una virgola. Pochi minuti e l’acqua sotterranea torna su”.

“Abbiamo annullato tutto per arrivare a domani sera pronti al 100% – ha aggiunto – ma le previsioni parlano di pioggia fino alle 11 di domattina. E’ una situazione che stiamo monitorando, ma non possiamo controllare il tempo. Vedremo le condizioni che troveremo domattina e decideremo il da farsi con i piloti. Abbiamo diverse possibilità sul piatto, ma prima dobbiamo capire in che condizioni sarà la pista nella giornata di domani. Correre lunedì? In caso di giornata come oggi è certamente una possibilità”.

“Per l’anno prossimo stiamo pensando di organizzare una sessione completamente bagnata per avere un riscontro dei piloti in notturna. Avevamo questa opportunità, ma purtroppo la pista non ci consente di eseguire dei test. Verranno sicuramente portati avanti dei lavori per far si che non si riproponga più una situazione di questo tipo” ha concluso.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati