MotoGP Capirossi: “Le nuove gomme sono tutta un’altra cosa”

L'imolese ha elogiato i progressi e promesso novità per quanto riguarda la sicurezza

MotoGP Capirossi: “Le nuove gomme sono tutta un’altra cosa”MotoGP Capirossi: “Le nuove gomme sono tutta un’altra cosa”

Attualmente uomo Dorna e Bridgestone Loris Capirossi ha acconsentito a dedicarci un po’ di tempo in occasione del weekend di Misano per una full immertion negli argomenti di cui si sta occupando.

“Per quanto riguarda le gomme c’è stata un’evoluzione continua seppure  una volta entrati in regime di monofornitore la ricerca è diventata meno estrema e dal 2005, anno in cui ho iniziato a collaborare con il marchio nipponico, da provare trenta/quaranta unità che presentavano magari quattro/cinque mescole ciascuna, si è passati a lavorare solo sui dettagli – ha dichiarato – I cambiamenti comunque sono stati molti e proseguiranno, in parte per l’ingresso dell’elettronica e in secondo luogo perché le moto moderne richiedono grip meccanico al posteriore e leggerezza all’anteriore, dunque si sta andando nella direzione di una prestazione costante senza cali repentini e con una certa facilità di entrata nel giusto range di temperatura, come io stesso ho potuto verificare in un recente test a Brno”.

In merito invece all’aspetto sicurezza ha aggiunto: “Si può fare qualcosa di più anche se sarà impossibile evitare esiti fatali in caso di incidente in stile Simoncelli. Al momento stiamo cercando di organizzarci con i due produttori di tute dotate di air-bag per avere dei prezzi commerciali e fornirle a tutte le case e studiando qualcosa per limitare la velocità dato che non è sinonimo di spettacolo assicurato”.

Infine sulla facilità o meno di passare al professionismo ha concluso: “Non è mai semplice e difatti lo vediamo con gli statunitensi che arrivano in Europa e non sono all’altezza. Come ovunque se si hanno soldi la strada è maggiormente  in discesa, ma la soluzione preferibile è disputare il CEV che ormai ha ben poco di spagnolo. Lì ci sono circuiti importanti, con ragazzi di tutto il mondo che partono da zero e crescono pian piano. In questo modo qualche talento emerge sempre”.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati