Moto3 | Gp Qatar 2: John McPhee fa “mea culpa”

Arrivano le scuse del pilota Petronas per la "rissa" con Alcoba

Moto3 | Gp Qatar 2: John McPhee fa “mea culpa”Moto3 | Gp Qatar 2: John McPhee fa “mea culpa”

Moto3 Gp Qatar 2 – Il Gran Premio di Doha classe Moto3 non solo ha visto grandissimo protagonista Pedro Acosta (clicca qui per il report della gara), rookie e vincitore della gara pur partendo dalla pit-lane (era stato penalizzato insieme ad altri piloti a causa di guida irresponsabile durante le prove, ndr), ma aveva anche visto protagonisti in negativo Jeremy Alcoba e John McPhee, con quest’ultimo che aveva dato vita ad una vera e propria scazzottata dopo una caduta avvenuta per un contatto con la moto di Alcoba.

Lo spagnolo del Team Gresini aveva avuto un contatto con Binder sul rettilineo finale ed aveva coinvolto nella caduta anche l’incolpevole McPhee. Quest’ultimo aveva però reagito in modo esagerato, rifilando calci e pugni. I due sono stati penalizzati con le seguenti sanzioni:

Ad Alcoba è stata imposta una partenza dalla corsia dei box cinque secondi dopo la partenza della Moto3 nel prossimo GP del Portogallo

A McPhee è stata imposta una partenza dalla corsia dei box dieci secondi dopo la partenza della Moto3 nel prossimo GP del Portogallo

Entrambi sono stati multati di 1000 euro.

Dichiarazioni John McPhee scuse per comportamento Vs Alcoba Gp Qatar 2 Moto3

“Ho lasciato che le mie emozioni prendessero il sopravvento in Qatar, essendo stato ‘eliminato’ dalla gara per la seconda settimana consecutiva a seguito di un errore di un altro pilota. Devo scusarmi per la mia condotta: non ho reagito bene all’incidente. È uno sport adrenalinico, con evidente pericolo intrinseco; il fatto che la moto di un concorrente mi potesse colpire la testa ha innescato una risposta al fuori dal comune e vorrei scusarmi con i fan, la mia squadra, Petronas e i nostri partner. Accetto il rigore e  vado a Portimao concentrato sul compito da svolgere.”

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati