MotoGP | Test Qatar Day 2: Miguel Oliveira, “Soddisfatto, ma possiamo migliorare”

"Sappiamo dove intervenire", ha affermato il portoghese

MotoGP | Test Qatar Day 2: Miguel Oliveira, “Soddisfatto, ma possiamo migliorare”MotoGP | Test Qatar Day 2: Miguel Oliveira, “Soddisfatto, ma possiamo migliorare”

Test Qatar Day 2 KTM Factory – Tanti chilometri a Losail per Miguel Oliveira in sella alla RC16, moto con cui KTM affronterà il prossimo mondiale 2021 di MotoGP. Il portoghese, vincitore di due Gran Premi nel corso della passata stagione, ha lavorato sulle novità tecniche presentate dalla squadra austriaca in medio oriente, raccogliendo dati e informazioni importanti che aiuteranno gli ingegneri a sviluppare nel miglior modo possibile il pacchetto tecnico. Oliveira ha chiuso la giornata di ieri in 11° posizione e con un best crono di 1’54.666, sette decimi più lento del miglior giro fatto segnare da Fabio Quartararo.

Dichiarazioni Miguel Oliveira Test Qatar Day 2 KTM

“Il grip era abbastanza precario, soprattutto nella sessione del mattino, è risultava abbastanza semplice cadere se si spingeva troppo. In generale, però, direi che è stata una buona giornata. Sappiamo di cosa abbiamo bisogno per essere più veloci. Il team ha un paio di idee da provare nei prossimi giorni e speriamo di riuscire a migliorare le potenzialità del nostro pacchetto tecnico. Da parte mia so che devo essere più rapido, anche se il crono finale non è stato male, visto e considerato che abbiamo migliorato rispetto al record dello scorso anno. Dobbiamo concentrarci sull’anteriore per inserire la moto più velocemente in curva. E’ quello di cui abbiamo bisogno e su questo ci focalizzeremo nei prossimi tre giorni. Abbiamo provato un pò di partenza con il sistema anteriore e posteriore. Questo non è il miglior circuito per provare, meglio Jerez, ma questo è quello che abbiamo. Bisogna stare calmi e focalizzarsi sui dati per non fare errori per il futuro. Sono sicuro che il team farà un ottimo lavoro qui”.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati