MotoGP | Gp Valencia 2 Gara: Danilo Petrucci, “Con la Ducati è stata una grandissima avventura”

Petrucci ha aggiunto: "Oggi ho avuto un problema mai visto prima, si è sfilata la manopola"

MotoGP | Gp Valencia 2 Gara: Danilo Petrucci, “Con la Ducati è stata una grandissima avventura”MotoGP | Gp Valencia 2 Gara: Danilo Petrucci, “Con la Ducati è stata una grandissima avventura”

MotoGP Gp Valencia Ducati Gara – Danilo Petrucci non è andato oltre il quindicesimo posto nel Gran Premio della Comunitat Valenciana, penultimo appuntamento del Motomondiale 2020 disputato sul circuito Ricardo Tormo di Cheste.

Il rider ternano della Ducati ha avuto un curioso problema, si è infatti “sfilata” la manopola sinistra ed ha dovuto correre una buona parte di gara con il guanto direttamente sul manubrio, una cosa mai accaduta prima. Ecco cosa ha detto “Petrux” che domenica prossima correrà la sua ultima gara con la Ducati.

Dichiarazioni Danilo Petrucci Gp Valencia MotoGP Gara

“Speravo di fare meglio, non ho fatto una buona partenza e sono rimasto imbottigliato alla seconda curva, poi il problema principale è stato che dal quinto giro ha iniziato a sfilarsi la manopola sinistra. Ho cercato di rimetterla, ma non è facile farlo, è comunque un problema mai verificato prima. Al dodicesimo giro poi si è sfilata del tutto ed ho dovuto correre il resto della gara senza. Già le cose erano difficili e poi lo sono diventate ancora di più. Ho una spalla e la schiena pezzi per questo. La cosa positiva è che non si è sfilata in una curva a sinistra e quindi non sono caduto. Non penso comunque che sia un problema dovuto ad un errore del Team. Ora andiamo a Portiamo e sono contento di andarci con una MotoGP, è un circuito che mi è sempre piaciuto e uno dei più belli dove ho girato e sono curioso di scendere in pista.”

Dichiarazioni Danilo Petrucci penultima gara con Ducati Gp Valencia MotoGP Gara

“Quella con la Ducati è stata sicuramente una grandissima avventura. Sono contento di quello che ho fatto e del fatto che la Ducati mia abbia dato la possibilità di correre per la prima volta in carriera con una moto ufficiale. Ho vinto due gare e sono contento di quello che ho fatto, anche se è chiaro che in tante occasioni poteva andare meglio, ma ho sempre fatto il massimo. A posteriori è più facile dire cosa si sarebbe potuto fare di meglio. Ringrazio la Ducati che mi ha permesso di salire molte volte sul podio e di vincere delle gare in MotoGP. Per questo sarò sempre riconoscente, mi hanno dato tanto e spero che anche loro abbiano di me un bel ricordo.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati