MotoGP | Gp Aragon 2 Gara: Andrea Dovizioso, “Siamo tutti sotto processo, squadra, moto e pilota” [VIDEO]

Dovizioso ha aggiunto: "Non mi piace correre così, non mi piace lottare per queste posizioni"

MotoGP | Gp Aragon 2 Gara: Andrea Dovizioso, “Siamo tutti sotto processo, squadra, moto e pilota” [VIDEO]MotoGP | Gp Aragon 2 Gara: Andrea Dovizioso, “Siamo tutti sotto processo, squadra, moto e pilota” [VIDEO]

MotoGP Gp Teruel Motorland Aragon Ducati Gara – Andrea Dovizioso dopo qualifiche da dimenticare (partiva dalla sesta fila, ndr) non è andato oltre il tredicesimo posto nel Gran Premio di Teruel, seconda gara consecutiva sul circuito di Aragon.

Il pilota della Ducati si era portato in Top Ten e lottava per arrivare tra i primi otto, quando un sorpasso un pò azzardato di Aleix Espargarò (Aprilia) gli ha fatto perdere delle posizioni. Nel finale non è poi riuscito a recuperare ed è stato passato anche dal suo team-mate Danilo Petrucci, che ha chiuso decimo.

La vetta della classifica mondiale si allontana, i punti di distacco dalla vetta occupata da Joan Mir sono ora 28, quando alla fine mancano tre gare, le due di Valencia e quella di Portimao.

Dichiarazioni Andrea Dovizioso Gran Premio Teruel Motorland Aragon MotoGP Gara

“Questa mattina abbiamo provato qualcosa, ma ero in buona posizione perchè avevo una gomma nuova. In gara il drop della gomma è stato enorme per tutti e poi quando guidi spingendo per recuperare ne consumi di più. Non penso sia il momento di pensare al Campionato, non credo di avere possibilità, quindi non è utile parlarne, senza velocità non puoi lottare. In ogni gara qualche pilota ha un feeling migliore e fa un risultato migliore, ma si deve guardare la classifica. Pecco ha fatto qualche cosa di buono, idem Miller e Danilo. Se qualcuno trova il modo di fare le cose sta davanti, ma al momento sono la miglior Ducati in classifica. La scelta delle gomme dipende dal modo in cui guidi. Negli ultimi due anni eravamo capaci di usare le gomme morbide perchè potevamo usarle in maniera diversa, eravamo veloci e le usavamo in modo diverso. Adesso la situazione è diversa, non so se con le medie sarebbe andata diversamente, ma non credo che la scelta delle gomme avrebbe cambiato qualcosa. Non mi piace correre così, non mi piace lottare per queste posizioni. Difficile pensare a cose positive in questo momento. Questo campionato è strano e vincere non è tutto, l’importante è fare punti. Siamo tutti sotto processo, squadra, moto e pilota.”


Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati