Superbike | Cosa ci sarà nel futuro di Chaz Davies?

Per il gallese l’addio con Ducati è stato difficile da digerire

Superbike | Cosa ci sarà nel futuro di Chaz Davies?Superbike | Cosa ci sarà nel futuro di Chaz Davies?

Come ogni stagione, ci saranno dei cambiamenti nelle line up 2021 e alcuni piloti devono ancora trovare una collocazione per il prossimo anno.
Tra questi c’è Chaz Davies che non continuerà il suo rapporto con il team ARUBA.IT Ducati dato che al suo posto arriverà Michael Ruben Rinaldi.

Con tanti punti interrogativi, l’unica cosa sicura è che nel 2021 non guiderà una moto ufficiale: quali sono le ipotesi possibili?

Sabato pomeriggio dopo Gara 1 Davies ha dato qualche chiarimento sul suo futuro: “Se ho qualcosa per le mani? No. Se c’è qualcosa di cui si parla? Sì. Immaginatevi di stare seduto dove sono seduto io e avere la sensazione di non poter lottare per il mondiale e di non avere intorno a te il totale sostegno di chi ti circonda. Parti già con una scusa. Non sto dicendo che sarà questa la situazione ma se non fai parte di un team ufficiale automaticamente non hai il pieno sostegno”.

In questa categoria ci sono tanti piloti Ducati disponibili; tutti i team Indipendenti devono ancora arrivare alle firme in vista del 2021 e tra questi c’è anche il Team GOELEVEN che in questa stagione ha vinto il titolo come miglior squadra privata. Davies ha detto: “Al momento non ci sono ipotesi concrete”.
Uno dei posti migliori ancora liberi è quello del team Ten Kate Racing Yamaha con cui Loris Baz non ha ancora rinnovato. C’è anche la conferma di un secondo team BMW ma Davies a riguardo è abbastanza scettico.
“Sì e no,” ha risposto a chi gli ha chiesto se ci siano stati dei contatti tra lui e BMW. “Ovviamente mi sono interessato dato che ormai sono fuori da Ducati ma nessuno mi ha risposto. Significa che non mi vogliono”, ha concluso.
In merito al suo addio con Ducati, Davies non si è tirato indietro e ha detto che da parte della Casa di Borgo Panigale nessuno gli ha dato una ragione valida: “A essere onesto è andata così e quindi bisogna leggere tra le righe. L’unica cosa di cui ha parlato Luigi Dall’Igna è stata la Superpole che ammetto sia stata un mio punto debole. Però avrei anche preso in considerazione che abbiamo raggiunto una certa stabilità con la moto e il pacchetto. Ho la sensazione che non ci sia molto da cambiare e quindi penso che ora siamo messi meglio per lavorare su uno specifico setup per la qualifica. È impossibile non prendere questa decisione sul personale. Fa male, fa parecchio male in questo momento”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati