MotoGP | Gp Aragon Qualifiche: Fabio Quartararo, “Non pensavo di poter andare così forte”

"Dopo la caduta avevo dolore e ho avuto paura" ha aggiunto il pilota Petronas

MotoGP | Gp Aragon Qualifiche: Fabio Quartararo, “Non pensavo di poter andare così forte”MotoGP | Gp Aragon Qualifiche: Fabio Quartararo, “Non pensavo di poter andare così forte”

MotoGP Gp Motorland Aragon Yamaha MotoGP Qualifiche – Fabio Quartararo ha chiuso le qualifiche del Gran Premio di Aragon, decima tappa del Motomondiale 2020, con la pole position.

Nonostante la violenta botta rimediata nel corso delle FP3, il pilota francese, sebbene dolorante, è riuscito a scendere in pista sia per la FP4 che per il turno di qualifica. Nel turno di libere ha dimostrato di aver un gran passo, mentre in Q2 ha lottato fino alla bandiera a scacchi per aggiudicarsi la partenza al palo.

Dichiarazioni Fabio Quartararo GP Aragon MotoGP Qualifiche

“E’ stato strano cedere nelle FP3. Abbiamo avuto una caduta simile nelle FP1, l’anteriore è collassato così velocemente in frenata. Questa mattina ho avuto un piccolo stoppie e allo stesso tempo il fronte è crollato. È stata una strana caduta. Non è che ho fatto qualcosa di completamente sbagliato, ho guidato normalmente e non ero al limite. Non ho frenato 20 metri dopo e molto più forte. La differenza era inferiore a 1 bar e sono caduto. Ma le condizioni erano molto difficili. Bisogna essere sempre molto precisi e volevo spingere un po’ di più con la gomma usata nella sessione mattutina, ma purtroppo abbiamo avuto questa caduta. Ho sentito dolore alla gamba, e con il freddo non riuscivo nemmeno a sentire le dita. Avevo un po’ di paura perché al momento era doloroso. Fortunatamente non ha fatto molto male alla moto, sono stato in grado di guidare una grande FP4 – 16 giri, non è stato poi così male. Non mi aspettavo di essere così bravo in qualifica perché non mi sono sentito così bene per tutto il weekend. Ma sono contento di aver fatto il buon giro. La nostra scelta di gomme non è ancora chiara, la gomma anteriore media non sembra male se guardate i miei compagni di squadra. Dobbiamo anche adattare molte cose alla moto e allo stile di guida. Perché siamo veloci nei primi dieci giri, ma poi abbiamo più problemi rispetto a Maverick. Nel pomeriggio è stato molto più costante, molto veloce. Il mio ingegnere e il mio capotecnico stanno già analizzando tutto per capire dove possiamo migliorare. È così importante analizzare bene in queste condizioni perché mi sento bene sulla moto, ma non così bene come vorrei. Dai un’occhiata”.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati