MotoGP | De Angelis annuncia il ritiro: “Ho fatto una carriera incredibile” [VIDEO]

Domenica la sua ultima gara in carriera con la classe MotoE

MotoGP | De Angelis annuncia il ritiro: “Ho fatto una carriera incredibile” [VIDEO]MotoGP | De Angelis annuncia il ritiro: “Ho fatto una carriera incredibile” [VIDEO]

Prima o poi arriva per ogni pilota il momento di dire “Basta”. E’ una decisione sofferta, perché rinunci a quel sogno che ti sei costruito fin da bambino, con non pochi sacrifici. Oggi Alex De Angelis, ha annunciato il suo ritiro al termine del round finale del campionato MotoE, a Le Mans.

Alex ha iniziato la sua lunga carriera agonistica nel 1999, diventando vice campione del mondo nella categoria 125cc nel 2002. Poi con il passaggio in 250cc è sempre stato tra i protagonisti, gareggiato per il team Aprilia Racing dal 2003 al 2006, conquistando vittorie e podi che gli hanno garantito il salto in MotoGP. Nella classe regina De Angelis ha ottenuto il secondo posto nel GP di Indianapolis. Successivamente, il pilota di San Marino,
è passato in Superbike, dove con l’Aprilia RSV4, ha ottenuto il podio nel GP di Germania. Infine la grande scommessa della MotoE.

Alex però se da un lato si ritira dalle corse, dall’altro resterà comunque legato all’ambiente essendo Team Manager della squadra Roc&Dea impegnata nel CIV nella Supersport 300.

Dichiarazioni Alex De Angelis su ritiro dalle corse

“Dire addio alle piste del Motomondiale, al paddock, ai miei colleghi e a tutto quello che è stato la mia casa per vent’anni non è assolutamente facile. Con il round finale della Moto-E 2020 a Le Mans si chiude la parentesi più importante della mia vita. Vent’anni da pilota professionista nel Campionato Mondiale: vittorie, podi, gioie e dolori, ma soprattutto metà della mia vita spesa in giro per il mondo a tutta velocità.
Adesso sono un adulto, sono un team manager, un istruttore federale, lavoro in TV, insegno alla gente come guidare una moto in pista in sicurezza e divertendosi. Molti impegni che però non mi fanno dimenticare di essere prima di tutto (e per sempre) un pilota. Rimpianti? No, ho fatto una carriera che reputo incredibile, ho visto e conosciuto persone e paesi bellissimi, tante realtà che mi hanno arricchito nel corso degli anni.
Quando ho iniziato ero un ragazzino di 15 anni con i capelli da paggio e tanta voglia di “dare del gas”. Ora sono un uomo con qualche ruga ma la voglia di “dare del gas” è rimasta anche se in altri campi e con uno spirito diverso.

Un GRAZIE doveroso va a tutti quelli che hanno creduto in me, in primis la mia famiglia, a tutte le persone straordinarie cha hanno lavorato con me, agli amici e ai fan per avermi sempre sostenuto.
Arrivederci. Alex”


Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati