MotoGP | Gp Barcellona Gara: Morbidelli, “Non potevo permettermi una strategia diversa, sono 6 km/h più lento rispetto alle altre Yamaha”

"Sono arrabbiato per questo quarto posto" ha aggiunto il pilota Petronas

MotoGP | Gp Barcellona Gara: Morbidelli, “Non potevo permettermi una strategia diversa, sono 6 km/h più lento rispetto alle altre Yamaha”MotoGP | Gp Barcellona Gara: Morbidelli, “Non potevo permettermi una strategia diversa, sono 6 km/h più lento rispetto alle altre Yamaha”

MotoGP Gp Catalogna Yamaha MotoGP Gara – Franco Morbidelli ha chiuso il Gran Premio di Barcellona sul circuito del Montmelò, in quarta posizione.

Il pilota del team Petronas partito dalla pole sembrava avere il passo per poter vincere e così è stato fino a metà gara, cioè fino a quando il compagno di squadra non è riuscito a superarlo e a scavare un piccolo gap.”Morbido” Ha cercato di fare il massimo per tenere il passo, ma la differenza tra la sua moto, la M1 dello scorso anno e la nuova di Quartararo, si fa sentire. In particolare il pilota italo-brasiliano accusa un gap di 6 km/h sul rettilineo, ma questo non il #21 non vuole venga utilizzato come scusa.

Dichiarazioni Franco Morbidelli GP Barcellona MotoGP Gara

“Sono arrabbiato per questo quarto posto, ma questo è positivo. Ciò significa che siamo su un ottimo livello. Ho avuto una partenza meravigliosa, dopodiché go spinto un po’ troppo e ho usato troppo le gomme. Ecco perché non ero pronto a combattere quando Fabio mi ha raggiunto. Quando ero dietro di lui ho perso qualcosa sul rettilineo e ho dovuto rischiare molto in frenata per recuperare. Ecco perché ho commesso l’errore e sono quasi andato a sbattere contro di lui. Ho frenato, sono andato fuori e ho perso 2 secondi. Questo probabilmente mi è costato il podio. Comunque, devo essere soddisfatto di questo fine settimana, sono partito dalla pole position. Ma mi mancava un po’ di costanza. È stato molto difficile gestire la gomma posteriore, non potevo. E’ difficile over gestire la gomma, soprattutto se non hai abbastanza potenza sul rettilineo. Sono il più debole in campo in questo senso. Questo fine settimana ero 6 km/h più lento dell’altra Yamaha. Verso la fine della gara pagavo 22 km/h sulla Ducati. Non potevo permettermi una strategia. Sono dovuto dovuto partire bene e trarne il massimo. Ok, ho distrutto le gomme così. Ma quella era la migliore strategia per me e il mio pacchetto”.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati