MotoGP | Gp Misano Qualifiche: Petrucci “Non sto facendo bene il mio lavoro”

Petrucci ha aggiunto: "Non ho mai detto che la moto non funziona, ma che io devo capire come utilizzarla meglio"

MotoGP | Gp Misano Qualifiche: Petrucci “Non sto facendo bene il mio lavoro”MotoGP | Gp Misano Qualifiche: Petrucci “Non sto facendo bene il mio lavoro”

MotoGP Gp Misano Ducati Qualifiche – Danilo Petrucci dopo un buon esordio nella prima giornata di prove del Gran Premio di Misano e Riviera di Rimini, non è riuscito a ripetersi nelle qualifiche.

Il pilota ternano della Ducati, che il prossimo anno sarà in sella alla KTM del Team Tech 3, non è andato oltre la quinta fila e il suo sarà quindi un GP in salita. Rispetto a ieri ha perso feeling in frenata con la gomma dura, a lui la parola.

Dichiarazioni Danilo Petrucci GP Misano MotoGP Qualifiche

“Oggi è successa una cosa curiosa, tutti i piloti che avevano la gomma hard non sono riusciti a passare in Q2. L’ho usata perchè ero forte in frenata, mentre con la media non riuscivo a guidare e la moto si muoveva tanto. Nel pomeriggio mi sono mancati due decimi, c’è molto equilibrio, quindi sono indietro. Mi dispiace non aver potuto replicare le buone prestazioni di ieri. L’obiettivo per la gara è quello di prendere punti e stare nei primi dieci. Il passo non è male, ma non lo era neanche nelle gare passate, solo che partendo dietro diventa poi difficile.”

Dichiarazioni Danilo Petrucci pressione Ducati GP Misano MotoGP Qualifiche

“Per quanto mi riguarda quando parto per un turno sono concentrato a dare il massimo e non penso ad altro. Sicuramente non è piacevole, mi dispiace fare fatica e non raggiungere i risultati che vorrei. Non ho il feeling dello scorso anno, mi manca sempre qualcosa, è difficile capire cosa c’è dentro la testa. Mi dispiace per me e per la Ducati. Non abbiamo ancora trovato un setting base, sarà importante per questo il test che faremo qui.”

Dichiarazioni Danilo Petrucci mancanza risultati e dichiarazioni Davide Tardozzi GP Misano MotoGP Qualifiche

“Sicuramente quando ci sono piloti con la tua stessa moto che vanno più forte, non si può accusare la moto, ma evidentemente non si è dato il massimo. E’ difficile dire di chi è la colpa, Davide (Tardozzi, ndr) è sempre irruento nelle dichiarazioni, molto sincero. E’ vero che nei test Michele (Pirro, tester Ducati,ndr) era andato forte, ma oggi noi siamo andati ancora più forte, ma poi ci sono anche gli altri. Io mi ci metto sempre sul banco degli imputati, non sto facendo bene il mio lavoro, non ho mai detto che la moto non funziona, ma che io devo capire come utilizzarla meglio.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati