Superbike | Round Teruel, Gara2: weekend incredibile per Rinaldi

Il riminese dopo la vittoria in Gara1 e il podio di ieri, sale ancora sul podio

Superbike | Round Teruel, Gara2: weekend incredibile per RinaldiSuperbike | Round Teruel, Gara2: weekend incredibile per Rinaldi

Per Michael Ruben Rinaldi (Team GOELEVEN) il primo Round Pirelli di Teruel della storia del Campionato del Mondo Superbike sarà sempre sinonimo di splendidi ricordi: per lui infatti si è trattato di un weekend da assoluto protagonista con una vittoria, la prima in carriera nelle derivate di serie e due podi.

Dopo il poi terzo posto nella Tissot Superpole Race, Rinaldi è tornato a giocarsi alla grande la vittoria in Gara 2, dando vita a un bellissimo testa a testa con il cinque volte campione del mondo Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK), a cui si è arreso solo nei giri finali della corsa.

Queste le sue dichiarazioni dopo aver festeggiato il secondo posto: “Sono felicissimo dato che questo weekend per noi è stato fantastico. Come team Indipendente siamo andati fortissimo, negli ultimi giri di Gara 2 è stata una lotta dura con Jonny. Non sono riuscito a usare le gomme come avvenuto sabato dato che la temperatura era leggermente più bassa e la soft va meglio quando fa più caldo. Non ho avuto il passo di ieri, Jonny invece ha fatto dei passi avanti. Mi ha studiato per tutta la gara, quando mi ha superato ho provato a restare lì ma non ci sono riuscito. In ogni caso sono molto contento di questo secondo posto”.
Il romagnolo ha parlato anche della grande competitività della moto a sua disposizione: “Non è la stessa dell’anno scorso, è un po’ diversa sotto alcuni aspetti. Io e il team abbiamo fatto un grande lavoro, questo ha fatto la differenza. Il nostro setup è stato ottimo e la nostra gomma non è calata così tanto come invece è successo a Scott Redding (ARUBA.IT Racing – Ducati)”.
Tra due settimane ci attende il Round Acerbis di Catalogna in calendario al Circuit de Barcelona – Catalunya. Quali sono gli obiettivi del pilota italiano? “Onestamente non so dirlo dato che tutti i team hanno svolto dei test su quella pista e io no. Punto a confermarmi tra i primi cinque: se dovessi riuscire a fare meglio ovviamente sarei ancora più entusiasta!”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati