Superbike | Round Teruel: si ritorna in pista ad Aragon

Per la prima volta nella storia si corre due weekend consecutivi sulla stessa pista.

Superbike | Round Teruel: si ritorna in pista ad AragonSuperbike | Round Teruel: si ritorna in pista ad Aragon

Terminato il Round Prosecco DOC di Aragon, il Campionato del Mondo MOTUL FIM Superbike 2020 resta sul circuito di Alcañiz per il secondo weekend in occasione del Round Pirelli di Teruel.

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) ha portato a dieci i punti di vantaggio in classifica grazie ai due successi dell’ultimo weekend ma Scott Redding (ARUBA.IT Racing – Ducati) è sulle sue ruote, pronti a regalarci un altro bellissimo capitolo nella lotta per il titolo mondiale.
In testa alla classifica e reduce da due successi su questa pista, Jonathan Rea dopo Gara 2 ha incrementato il suo vantaggio. Il nordirlandese sul circuito spagnolo vanta cinque vittorie. Quella di Aragon è una pista in cui Ducati è stata la Casa da battere per tanto tempo. Rea riuscirà a ripetersi anche in questo weekend per consolidare la sua leadership nel Campionato? Il compagno di box Alex Lowes spera senza dubbio di migliorarsi; a una brutta caduta in Gara 1 poi hanno fatto il paio gli 11 punti conquistati che lo hanno portato a scivolare in sesta posizione in classifica. Al primo leader della stagione serve almeno un podio.
Scott Redding è riuscito a vincere in Gara 1 e ad arrivare secondo nella Tissot Superpole Race. Il quarto posto in Gara 2 però gli ha fatto perdere la testa della classifica che aveva conquistato sabato pomeriggio. Il pilota britannico sa che in questo weekend dovrà recuperare dei punti a Rea. Pochi giorni fa abbiamo assistito a un nuovo capitolo della vecchia sfida con al centro Chaz Davies (ARUBA.IT Racing – Ducati) e Jonathan Rea. Davies vuole la prima vittoria di questo 2020 e desidera tornare ad affermare la propria supremazia al MotorLand Aragon. È quarto in classifica e si sta avvicinando velocemente.
Peggior weekend dell’anno per la coppia del PATA YAMAHA WorldSBK Official Team formata da Toprak Razgatlioglu e Michael van der Mark. Il miglior risultato di Toprak è stato un sesto posto mentre van der Mark domenica mattina ha firmato una bella prestazione con il terzo posto nella Tissot Superpole Race. L’olandese spera di continuare così e di sfruttare al meglio il potenziale della moto nel weekend di Teruel che sta per iniziare. Razgatlioglu ha disperatamente bisogno di un podio o di una vittoria dato che ha 65 punti di ritardo da Jonathan Rea. Nel caso in cui non dovesse farcela a portare a casa un ottimo risultato, potrebbe iniziare a uscire dalla sfida per il titolo iridato.
Uno dei motivi di grande interesse in vista del Round Pirelli di Teruel Round è Honda che – dopo appena quattro Round in pista con la CBR1000RR-R SP – è tornata sul podio. Alvaro Bautista (Team HRC) ha offerto un’ottima prestazione: il composto più morbido scelto, l’SCX al posteriore, gli ha permesso di salire sul podio e di arrivare a soli tre secondi e mezzo dal vincitore. Lui e Honda questo weekend possono rappresentare una seria minaccia per il podio e forse anche per il successo. Il suo compagno di squadra Leon Haslam ha chiuso settimo in Gara 2: il britannico arriva quindi fiducioso al primo Round Pirelli di Teruel della storia in programma al MotorLand.
È stato invece un weekend da dimenticare per il BMW Motorrad WorldSBK Team. Tom Sykes è caduto nella Tissot Superpole, mettendo così a segno la sua peggior prestazione in qualifica dal 2011, mentre Eugene Laverty ha avuto un problema meccanico prima del via di Gara 1. Nessun pilota della Casa tedesca quindi è entrato in zona punti in Gara 1 o nella Tissot Superpole Race. Sykes in Gara 2 ha chiuso al 12° posto e Laverty 14°. Punta a raggiungere risultati migliori nel corso della tre giorni di Teruel partendo da una buona Superpole per lottare poi per le prime posizioni. Attenzione dunque anche a BMW in questo weekend.
Si infiamma la bagarre per il primo posto tra gli Indipendenti; Michael Ruben Rinaldi (Team GOELEVEN) al momento in classifica precede Loris Baz (Ten Kate Racing Yamaha) con 15 punti di vantaggio. Il primo podio di Rinaldi potrebbe arrivare presto, forse anche in questo weekend, mentre Baz ha bisogno di essere costante in gara in termini di risultati. Alle loro spalle ci sono Garrett Gerloff (GRT Yamaha WorldSBK Junior Team) e Xavi Fores (Kawasaki Puccetti Racing), separati solo da un punto. Gerloff in Gara 2 ha lottato con Fores per il settimo posto. Lo spagnolo ha conquistato il suo miglior risultato stagionale con l’ottavo posto in Gara 1. Il compagno di squadra di Gerloff, Federico Caricasulo, è arrivato di nuovo nono in Gara 1 mentre Marco Melandri (Barni Racing Team) punta a entrare tra i primi dieci.
Maximilian Scheib (ORELAC Racing VerdNatura) stava andando bene in Gara 1 prima di finire a terra. In Gara 2 è riuscito a tornare in zona punti dopo che l’ultima volta era stata in Australia. Sylvain Barrier (Brixx Performance) in Gara 1 ha portato la sua Ducati in 12^ piazza, miglior risultato del 2020 e nel prossimo weekend cercherà di fare ancora meglio. Takumi Takahashi (MIE Racing Honda Team) riuscirà in Gara 1 a ottenere i suoi primi punti di quest’anno? Roman Ramos (OUTDO TPR Kawasaki) ancora una volta prenderà il posto dell’infortunato Sandro Cortese. Assente Lorenzo Gabellini dopo la separazione avvenuta tra Althea e MIE Racing.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati