Moto3 | La rabbia di Migno: “MotoGP in mano a dilettanti”

Lo sfogo del pilota dello Sky Racing Team VR46, per la penalità ricevuta sabato

Moto3 | La rabbia di Migno: “MotoGP in mano a dilettanti”Moto3 | La rabbia di Migno: “MotoGP in mano a dilettanti”

Nonostante la buona rimonta nel Gran Premio di Stiria, conclusa in tredicesima posizione, Andrea Migno non riesce ad essere contento. Il pilota dello Sky Racing Team VR46, intervistato dopo la gara, ha sfogato tutta la sua rabbia e delusione nei confronti della Direzione Gara che lo ha penalizzato con un long lap penalty, per il contatto su Kofler durante la qualifica del sabato.

“Mi sono divertito perché ho fatto una bella rimonta e alla fine era il massimo che potevo fare. Però sono altrettanto rattristato per come la Federazione e il FIM Panel siano così ridicoli nei confronti dei piloti, non lo dico solo per me. Sono contento che questo scandalo stia uscendo anche in MotoGP, perché bisogna avere il coraggio di dire le cose. Il mondo della MotoGP è in mano a dilettanti, gente che non sa che comportamento adottare in questo mondo. In Formula 1 c’è un rigore, la MotoGP invece è in mano di gente che non sa cosa fare e alla fine, ci rimettiamo noi piloti. La penalità che mi hanno dato, è per via delle loro insicurezze, una penalità assurda, come tutti gli altri episodi che si vedono in tv e che non vengono minimamente presi in considerazione”.

Migno infatti ha contestato il modo in cui è stato giudicato dal FIM Panel, tant’è che Kofler si è assunto la responsabilità per il contatto:

“Mi hanno chiamato in direzione gara per guardare il video da due angolature, secondo molti la ragione ce l’avevo io. Infatti quando abbiamo provato la partenza, Kofler mi ha anche chiesto scusa perché si era accorto di avere sbagliato. Però mi hanno dato la penalità rovinandomi la gara”.

Il talento della VR46 Riders Academy, spera che d’ora in poi le cose possano migliorare:

“C’è tanta incoerenza, e mi viene da dire che sono un po’ delle pagliacciate. Spero che si possano risolvere queste cose, non solo per me ma per tutti i ragazzi che corrono dalla Moto3 alla MotoGP. E’ così da tanto tempo ed abbiamo visto tanti episodi nelle ultime gare”.

Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati