MotoGP | Gp Austria 2 Qualifiche: Petrucci, “Masia? Un comportamento da anni ’70”

Il rider ternano della Ducati ha commentato quanto avvenuto nella Q1 Moto3

MotoGP | Gp Austria 2 Qualifiche: Petrucci, “Masia? Un comportamento da anni ’70”MotoGP | Gp Austria 2 Qualifiche: Petrucci, “Masia? Un comportamento da anni ’70”

MotoGP Gp Austria 2 Red Bull Ring Ducati Qualifiche – Danilo Petrucci partirà dalla quarta fila nel Gran Premio di Stiria, seconda gara consecutiva al Red Bull Ring, Austria.

Il pilota della Ducati ha ottenuto il dodicesimo tempo (era arrivato in Q2 passando per la Q1,ndr), ma come tutti i piloti dalla quarta posizione in poi, è scalato di una posizione per la penalizzazione inflitta a Johann Zarco, che nonostante il terzo tempo partirà dalla pit-lane dopo essere stato “punito” per l’incidente con Franco Morbidelli di domenica scorsa.

Oltre a commentare le sue prove, Petrucci ha parlato anche di quanto accaduto nelle Q1 Moto3, dove è accaduto un fatto davvero eclatante; Jaume Masia è caduto, poi dopo che i commissari gli hanno “strappato” letteralmente la carena, è rientrato in pista (anche senza guanti) inondandola d’olio. Ecco cosa ha detto “Petrux”.

Dichiarazioni Danilo Petrucci su caso Masia Moto3 GP Austria 2 MotoGP Red Bull Ring Qualifiche

“Masia ha fatto una cosa che se fatta in MotoGP avrebbe comportato una gara di squalifica! Una cosa che non esiste, strappare una carena, partire con la moto che perde olio, senza guanti, un qualcosa che non si vedeva dagli anni ’70. Per quanto riguarda i commissari in Moto2 dovevano entrare per forza in pista per togliere la moto, ma la bandiera rossa la mette la direzione gara, non i commissari.”

Dichiarazioni Danilo Petrucci GP Austria 2 MotoGP Red Bull Ring Qualifiche

“Ieri abbiamo avuto lo stesso problema tecnico sulla stessa moto, ma oggi erano risolti, anche se abbiamo dovuto fare il programma di ieri. Partiremo indietro e sarà difficile, perchè sostanzialmente questa pista è mono-traiettoria e non è facile sorpassare. Come passo non siamo lontano dal “Dovi”, ma ci sono tanti piloti davanti. Anche in caso di una buona partenza in curva 1 e 2 in molti vanno larghi ed è difficile guadagnare posizioni. E’ una pista molto stretta, sembra Monza. Oltre che essere pericolosa è una pista stretta dove è facile fare casino.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati