MotoGP | KTM in pista al Red Bull Ring con Dani Pedrosa e Pol Espargarò

La casa austriaca è stata la prima a tornare in pista dopo la pandemia di Coronavirus

MotoGP | KTM in pista al Red Bull Ring con Dani Pedrosa e Pol EspargaròMotoGP | KTM in pista al Red Bull Ring con Dani Pedrosa e Pol Espargarò

Motomondiale MotoGP 2020 – La KTM è stata la prima casa a tornare in pista dopo la pandemia di coronavirus. La casa austriaca ha girato al Red Bull Ring (Spielberg) con il tester Dani Pedrosa e il pilota ufficiale Pol Espargarò.

Ai box c’era chi ha lavorato con mascherine chirurgiche, chi con quelle in tessuto e chi ha preferito la maschera in plexiglass. I piloti hanno girato dalle 09:30 alle 18:00.

Dopo tre mesi senza andare in moto i piloti hanno ripreso l’andatura e mentre Pedrosa si è concentrato sullo sviluppo, Pol Espargarò ha girato con la configurazione degli ultimi test del Qatar. Ecco cosa ha detto a questo proposito Pit Beirer, direttore di KTM Motorsport, a Speedweek.com

Dichiarazioni Pit Beirer, direttore di KTM Motorsport Test Red Bull Ring KTM

” È stata una buona giornata di test. Naturalmente Pol Espargaró e Dani Pedrosa hanno dovuto abituarsi alla guida della MotoGP dopo una pausa di tre mesi. Ecco perché Pol ha guidato in gran parte con la configurazione tecnica che avremmo usato nel GP del Qatar dell’8 marzo. Abbiamo portato 22 persone e tutte si sono sottoposte al test per la verifica della positività al Covid-19. Il medico aziendale di KTM ci ha aiutato in modo da poter controllare parte del team con i nostri test. Avevamo due persone dall’Italia, un tecnico dall’Inghilterra, oltre a Paul Trevathan, capo del team di Pol, che vive nei Paesi Bassi. C’era anche un ceco. E David Gutierrez, il capo-tecnico di Dani. Tutti i membri del team avevano con loro un certificato sanitario che ha ribadito la loro negatività al virus. Nonostante le condizioni insolite e le misure adottate per il coronavirus, oggi abbiamo fatto il primo passo verso la normalità e ci siamo davvero divertiti.

Oggi abbiamo provato le maschere chirurgiche, le maschere in tessuto e le maschere in plexiglass. Tutti hanno potuto decidere da soli cosa indossare. In questo test abbiamo praticato il distanziamento sociale e abbiamo cercato di non essere troppo vicini inutilmente. Ora le mascherine fanno parte della vita, anche se in Austria sono segnalati solo 16 nuovi casi al giorno. La mascherina farà parte della vita di tutti i giorni nel prossimo futuro, almeno per gruppi più numerosi e quando viaggiamo. Tuttavia, non vediamo l’ora che arrivi il giorno in cui potremo liberarcene.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati