MotoGP | Coronavirus: omologazione motori e carene a “distanza”

Solo la Honda aveva già ottenuto l'omologazione durante i test del Qatar

MotoGP | Coronavirus: omologazione motori e carene a “distanza”MotoGP | Coronavirus: omologazione motori e carene a “distanza”

Motomondiale 2020 -La MotoGP 2020 non è ancora partita causa coronavirus e anche le problematiche sull’omologazione di carenature e motori vanno perfezionate.

Si è deciso quindi di chiedere alla case i disegni e i campioni delle parti soggette a ‘punzonatura’ per tutta la stagione; a richiederlo alle case Fim, Dorna, Msma e Irta.

Solo la Honda aveva già omologato i pezzi durante i test del Qatar e ora tutte le altre case dovranno farlo a distanza. Ricordiamo che nella MotoGP il motore non può essere cambiato durante la stagione e che le carene omologabili sono solo due. Questo vale per tutte le case tranne come detto Honda, ma anche Aprilia e KTM che godono ancora delle concessioni.

Come detto i disegni digitali andranno consegnati in modalità remota, mentre il resto della moto e quindi il suo sviluppo potranno proseguire.

Sul comunicato ufficiale non c’è una scadenza, ma molto probabilmente sarà entro fine mese.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

MotoGP

MotoGP | Sarà un Motomondiale blindato

Poche persone nel paddock e protocolli molto restrittivi
Condividi su WhatsAppMotomondiale 2020 Coronavirus – La MotoGP dovrebbe partire il prossimo 19 luglio con una doppia gara a Jerez