Superbike | Phillip Island, Gara2: dichiarazioni di Redding e Davies

Grande prova di Scott Redding che porta a casa un altro terzo posto. Davies rimonta fino alla quinta posizione

Superbike | Phillip Island, Gara2: dichiarazioni di Redding e DaviesSuperbike | Phillip Island, Gara2: dichiarazioni di Redding e Davies

Il round di Phillip Island (Australia), il primo della stagione 2020, si conclude con un ottimo risultato per Aruba.it Racing – Ducati grazie al terzo podio consecutivo di Scott Redding e alla grande rimonta che consente a Chaz Davies di chiudere in quinta posizione.

Scott Redding è in prima fila anche in Race 2 grazie al terzo posto conquistato nella Superpole Race. La partenza del pilota inglese, però, non è delle migliori ma Scott è bravo a rimanere concentrato e al sesto giro attacca Razgatlioglu (Yamaha) per riprendersi la terza posizione. Malgrado l’alto consumo della gomma anteriore, Scott rimane con il gruppo di testa e vince un bel duello con Van Der Mark (Yamaha) per conquistare il podio che gli consente di andare in Qatar con il secondo posto nella classifica del Campionato del Mondo Superbike.
Chaz Davies non riesce ad essere incisivo nella Superpole Race ed è costretto a partire dalla quinta fila. Da metà gara il passo gara del gallese è estremamente competitivo, in linea con i migliori, e gli consente di arrivare molto vicino al gruppo di testa. Negli ultimi due giri ingaggia un bel duello con Bautista per completare una fantastica rimonta e chiudere in 5° posizione.

Dichiarazioni Scott Redding

“Cosa posso dire? Sono salito tre volte sul podio, in due occasioni sono arrivato a meno di un decimo dal vincitore: non male per essere il mio primo week end in Superbike. Voglio ringraziare il team per il lavoro svolto. Era molto importante iniziare bene anche per prendere fiducia e per questo sono molto soddisfatto. Forse ci manca ancora un po’ di velocità ma sarebbe sbagliato fare paragoni con Alvaro che è molto più leggero di me”.

Dichiarazioni Chaz Davies

“E’ stato un week end abbastanza difficile ma tutto sommato le cose non sono andate male in Race 2. E’ stato bello riuscire ad avvicinarsi al gruppo di testa malgrado la posizione di partenza fosse molto complicata. Certo non posso essere super felice per questo week end ma è stato molto importante finire in modo positivo. Abbiamo ancora molto lavoro da fare e non vedo l’ora di essere in Qatar, una pista che mi piace molto”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati