MotoGP | “Andrea Dovizioso: Undaunted” Un viaggio intimo all’interno della MotoGP [VIDEO]

Il documentario sarà disponibile a partire da venerdì 21 febbraio

MotoGP | “Andrea Dovizioso: Undaunted” Un viaggio intimo all’interno della MotoGP [VIDEO]MotoGP | “Andrea Dovizioso: Undaunted” Un viaggio intimo all’interno della MotoGP [VIDEO]

Andrea Dovizioso: Undaunted – E’ stato presentato ieri al Deus Cafè di Milano. “Andrea Dovizioso: Undaunted”, prodotto da Red Bull Media House con la regia di Paolo Novelli.

Il pilota della Ducati ha raccontato tramite un docufilm girato nella stagione 2019 i retroscena le emozioni, le vittorie e le sconfitte, gli ingredienti che compongono un campione: aspetti intimi che difficilmente si possono conoscere.

Dichiarazioni Andrea Dovizioso “Undaunted” Un viaggio intimo all’interno della MotoGP

“È stata un’esperienza speciale – ha dichiarato Andrea Dovizioso durante la presentazione – “Le riprese mi hanno appassionato perché Paolo mi ha sempre reso partecipe di ogni momento. È entrato a tutti gli effetti a far parte del team e della nostra famiglia; è diventato uno dei nostri, tanto da dargli un soprannome: Pablo. Anche se siamo agli antipodi caratterialmente, io l’ingegnere e, lui l’artista, siamo entrati in perfetta sintonia. Sono convinto che questo documentario aprirà nuovi scenari sul mondo della MotoGP.”

Dichiarazioni Paolo Novelli regista “Undaunted” Un viaggio intimo all’interno della MotoGP

“Sono stato un pazzo a seguire il Dovi per un anno”, ha aggiunto il regista Paolo Novelli, “Un percorso emotivamente intenso, tante gioie che si sono alternate a momenti difficili. Penso di aver tirato fuori un ritratto vero di Andrea come pilota e come uomo. Dovi ha deciso di mostrarsi in tutte le sue sfaccettature davanti alla mia telecamera con il coraggio che lo contraddistingue. Mi piacerebbe che, guardando questo film, gli spettatori possano avere la sensazione di essere entrati nel mondo intimo dei piloti durante una gara.”

Leggi altri articoli in In evidenza

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati