Addio a Giancarlo Morbidelli, lutto nel mondo delle corse

Il mondo delle due ruote piange uno dei suoi padri più importanti

Addio a Giancarlo Morbidelli, lutto nel mondo delle corseAddio a Giancarlo Morbidelli, lutto nel mondo delle corse

Si è spento a 86 anni all’ospedale di Fano dove era ricoverato, Giancarlo Morbidelli, storico motociclista, imprenditore e soprattutto progettista, noto nel mondo delle moto per le moto Morbidelli Gran Premio e altri modelli.

Giancarlo Morbidelli è stato un vero e proprio rivoluzionario del mondo delle due ruote. Storica la sua 8 cilindri a V da 850 cc disegnata da Pininfarina e prodotta in soli 12 esemplari all’anno. Le sue moto, le Morbidelli da Gran Premio, nate in una piccola officina e diventata poi un vero e proprio reparto corse, hanno vinto quattro titoli mondiali piloti fra il 1975 e il 1977 e sono state guidate tra gli altri da Paolo Pileri, Pier Paolo Bianchi, Mario Lega, Graziano Rossi (Il padre di Valentino).

La storia di Giancarlo Morbidelli (nella foto Sky Sport MotoGP) è una di quelle vecchio stampo. Nato in una famiglia contadina nelle campagne pesaresi, ha frequentato le scuole tecniche e al termine degli studi ha iniziato a lavorare in una fabbrica meccanica. Successivamente ha aperto una piccola fabbrica di macchine per la lavorazione del legno, ed è proprio a questo il momento in cui nasce il suo piccolo colosso, la Morbidelli. Alla fine degli anni ’60 inizia a costruire moto da corsa che tra innovazioni e qualità ottengono grandissimi risultati negli anni ’70.

Di sua proprietà anche l’incredibile museo Morbidelli di Pesaro dove era esposta la sua collezione di circa 350 motociclette. Il museo purtroppo la scorsa estate ha chiuso i battenti e tutte le moto sono finite in Inghilterra e messe all’asta. I costi di gestione purtroppo erano diventati troppo alti.

Giancarlo Morbidelli lascia la moglie Augusta e due figli: Gianni Morbidelli, ex pilota di F.1, e Letizia.

La redazione di Motorionline porge le più sentite condoglianze alla famiglia e agli amici.

Foto: Luca Protti

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati