MotoGP | Presentazione Ducati 2020: Danilo Petrucci, “Nel 2019 mi sono messo pressione da solo e l’ho pagato”

"Lo scorso anno mi sono autoproclamato in crisi, quest'anno sarà diverso" ha aggiunto il pilota ternano

MotoGP | Presentazione Ducati 2020: Danilo Petrucci, “Nel 2019 mi sono messo pressione da solo e l’ho pagato”MotoGP | Presentazione Ducati 2020: Danilo Petrucci, “Nel 2019 mi sono messo pressione da solo e l’ho pagato”

Motomondiale 2020 Presentazione Ducati Team MotoGPDanilo Petrucci nel corso della presentazione della nuova Ducati Desmosedici GP20, moto con la quale affronterà la prossima stagione del Motomondiale, ha parlato del 2019 e della voglia di rifarsi in questo 2020.

Nel corso della passata stagione il pilota ternano è passato da una incredibile vittoria al Mugello alla lotta continua per entrare in Q2 nella seconda metà del campionato. Un calo, dall’esterno inspiegabile, che il #9 ha raccontato essere stato causato da un eccessiva pressione che si è messo da solo. Il 2020, però, Petrux ha aggiunto che sarà una stagione completamente diversa.

Dichiarazioni Danilo Petrucci Presentazione Ducati GP20 MotoGP

“Il rapporto con Dovi? Siamo un’ottima squadra, ma in pista poi ognuno penserà per se. Anche l’anno scorso abbiamo lavorato tanto insieme, ma non ci siamo mai risparmiati. Abbiamo sempre battagliato nelle prime gare, poi sono io che ho avuto un calo. E’ chiaro che è molto difficile reagire bene quando sei in difficoltà. Quando tutto andava bene avevo fatto tre podi. Fino alla Germania sembravo dover essere l’avversario di Marquez, lui è sempre andato fortissimo, però con Dovi eravamo lì. Avendo un anno di esperienza in più so dove ho sbagliato e so come reagire. Nella passata stagione ho perso la pazienza. Un errore che ancora non mi perdono sono le qualifiche dell’Austria, in cui volevo dimostrare di cosa fossi capaci ma ho sbagliato. Da lì mi sono autoproclamato in crisi, perché volevo la prima fila, ma mi sarebbe bastato stare più calmo, magari partire un po’ più indietro e sarei riuscito a finire più avanti in gara e anche il resto della stagione sarebbe andate diversamente. Invece pretendo dodicesimo non è andata bene e mi sono autoproclamato in crisi senza che nessuno mi dicesse niente. Me la son messa da solo. Quest’anno so come reagire, so che ci saranno difficoltà ma devo reagire e fare affidamento sulle mie forze. E’ stato un periodo caotico lo scorso agosto. Mi ero messo in testa di chiudere secondo nel mondiale, ma Brno fu sotto le aspettative e questo mi demoralizzò. Ho fatto un errore di foga che ho pagato carissimo a livello di testa, mi sono messo in discussione da solo. Ho smesso di pensare, agivo senza metodo e l’ho pagato. Quest’anno sarà diverso.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati