MotoGP | Valentino Rossi: l’appello da ragione ai custodi, dovrà risarcirli

Il pesarese dovrà risarcire 34 mila euro, ma può ancora fare ricorso in Cassazione

MotoGP | Valentino Rossi: l’appello da ragione ai custodi, dovrà risarcirliMotoGP | Valentino Rossi: l’appello da ragione ai custodi, dovrà risarcirli

MotoGP – Lo scorso anno gli ex custodi della casa di Valentino Rossi avevano citato in giudizio il pesarese chiedendo un risarcimento danni per ingiusto licenziamento e per diversi mesi di arretrati e stipendi.

A metà 2019 il tribunale di Pesaro aveva dato ragione al nove volte iridato costringendo i due coniugi a prendersi carico delle spese processuali, ma ad inizio 2020 la corte d’Appello di Ancona ha ribaltato la sentenza condannando il #46 a risarcire i 34 mila euro.

I fatti erano iniziati nel Natale 2016, quando la coppia di ex-custodi ha accusato il pesarese di mancati pagamenti degli straordinari e irregolare licenziamento dopo 10 anni di collaborazione.

La coppia moldava chiedeva un risarcimento pari a sei mesi di stipendio e di un pacchetto di ore di straordinario per un totale di circa 114 mila euro. In primo grado presso il Giudice del Lavoro di Pesaro, il ‘Dottore’ aveva dimostrato che: i due furono licenziati a causa della vendita della villa e tramite le fatture, che tutti i lavori straordinari che i due custodi raccontavano di aver fatto furono, in realtà, realizzati da società esterne.

In appello, però, è emerso che, come riportato da ‘Il Resto del Carlino’, a settembre 2016 la villa era già stata assegnata a Rossi, dunque il 9 volte iridato aveva l’obbligo di continuare a pagare lo stipendio ai due custodi per una cifra pari a 34 mila euro. Certamente non la cifra iniziale chiesta dai due. La palla adesso passa a Valentino Rossi che dovrà decidere se portare la questione fino alla Cassazione.

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    fatman

    19 gennaio 2020 at 18:02

    Che figura di m€rd@…ma ueueue? Nand0p1st0la? Supermar1kk10n?
    Ahahahahahahahahahahahahahahahah…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati