MotoGP | Alex Marquez, “Mio fratello nello stesso box? Siamo prima professionisti”

"Ovviamente aiuterà avere un campione del mondo nello stesso box, ma imparerò da tutti" ha aggiunto lo spagnolo

MotoGP | Alex Marquez, “Mio fratello nello stesso box? Siamo prima professionisti”MotoGP | Alex Marquez, “Mio fratello nello stesso box? Siamo prima professionisti”

MotoGP – Il 2020 sarà l’anno del debutto di Alex Marquez in MotoGP in sella alla Honda del team Repsol e affianco al fratello nonché 8 volte iridato Marc Marquez.

Il pilota spagnolo, fresco vincitore del mondiale Moto2 è già salito in sella alla Honda in occasione dei test invernali, prima sul tracciato di Valencia poi a Jerez. La prossima tappa sarà Sepang dove i primi di febbraio si terranno i primi test del 2020. Nel frattempo il pilota di Cervera si è presentato per la prima volta con la divisa ufficiale del team per una lunga intervista.

Dichiarazioni Alex Marquez

Questa è la prima volta con i colori Repsol Honda, che cosa significa per te?

“Beh, è ​​un sogno che si avvera, è un onore incredibile avere questi colori. Sono davvero contento di questa opportunità di andare in MotoGP con il Team Repsol Honda. Sono davvero orgoglioso. E’ una situazione nuova per me, io sono abituato a vedere Marc in questi colori, ma non me! E’ speciale.”

Che cosa significa per te essere un rookie in una squadra storica come il team Repsol Honda?

“Beh penso che per ogni rookie sia un sogno essere in un team ufficiale. Dopo aver vinto il Campionato Moto2 il sogno o il desiderio è quello di essere un pilota ufficiale. Essere nel Repsol Honda Team, una squadra con una grande storia nel paddock della MotoGP è un onore. So che sarà una sfida, ma è una bella sfida. Fin dal primo momento ho detto che volevo questa opportunità”.

Qual è il tuo obiettivo per la stagione?

“Posso dire che voglio essere il Rookie of the Year, è il primo obiettivo. Puntare già da ora a posizioni precise è presto, in questo momento mi sto concentrato sulla comprensione del moto con l’obiettivo di avere più sensibilità per costruire la mia fiducia. Prima della gara del Qatar, sarò in grado di vedere un po’ meglio quale è la nostra posizione reale e che cosa possiamo fare fin dalla prima gara “.

Come è stato essere nel garage Repsol Honda per la prima volta, sul fatto che sei un pilota ufficiale?

“E’ davvero speciale. Avevo le farfalle nello stomaco quando ho indossato la tuta, cammini nel box e vedi la tua squadra e sai che è la tua squadra. Ora, in Malesia credo che tutto sarà più sotto controllo, meno nervi e più rilassato, ma la squadra già mi ha aiutato a rilassarmi un sacco a Jerez.”

Sarai uno dei piloti più alti di MotoGP, pensi che possa aiutare?

“Essere alto può avere alcuni vantaggi, come forse lo spostamento del corpo e come è possibile utilizzare il peso. Forse sul bagnato è un po’ più facile, ma forse ci sono svantaggi e alcune cose possono essere un po’ peggio. Ma si sa, è necessario vivere con questo e perdere il minor tempo possibile”.

Sarai un rookie, ma essendo un Repsol e un pilota HRC non è nuovo per te, sei ritorno dal passato nel campionato spagnolo e Moto3. Avresti mai immaginato di tornare a Repsol e HRC?

“Quando si inizia, si immaginano che le cose come queste possono accadere solo nei sogni. Ci sono molte ore di formazione, molte gare, molte cose che possono accadere nella carriera di un pilota. Ho iniziato già nel campionato spagnolo con Repsol dove abbiamo vinto nel 2012 ed è stato davvero speciale. Poi nel 2014 abbiamo iniziato un nuovo progetto con la Honda Moto3 e HRC, la fabbrica era dietro di me ed è stato incredibile quell’anno a vincere nel primo anno del progetto. Dopo tutti questi anni tornare in Honda è un sogno, non vedo l’ora di lavorare con queste persone straordinarie, questa fabbrica e, naturalmente, Repsol.”

E’ la prima volta nella storia che due fratelli si divideranno un garage in MotoGP.

“E’ un momento speciale, un anno speciale, ma abbiamo bisogno di stare tranquilli e approcciare come se fosse una situazione normale. Sappiamo che siamo fratelli, ma all’interno del team abbiamo bisogno di essere professionisti, siamo piloti diversi. Ognuno di noi ha la propria squadre, quindi abbiamo bisogno di lavorare a modo nostro. Di sicuro per me è un vantaggio avere un Campione del Mondo MotoGP nel mio garage perché posso vedere un sacco di dati da lui e vedere come ho bisogno di guidare questa moto, mi aiuterà a trovare i segreti. Quindi, cercherò di prendere tutte le informazioni da lui e tutti i piloti Honda per cercare di imparare il più possibile.”

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati