MotoGP | Gp Valencia: Taramasso (Michelin), “E’ l’ultima gara dell’anno ma è una delle più importanti”

In pista anche la MotoE con il titolo ancora da assegnare

MotoGP | Gp Valencia: Taramasso (Michelin), “E’ l’ultima gara dell’anno ma è una delle più importanti”MotoGP | Gp Valencia: Taramasso (Michelin), “E’ l’ultima gara dell’anno ma è una delle più importanti”

MotoGP 2019 GP Valencia – La Michelin è pronta ad affrontare l’ultima gara del Motomondiale 2019 a Valencia, ma non sarà il solo evento in programma durante questo “lungo” weeekend.

Questo fine settimana la casa francese sarà impegnata anche nella MotoE e successivamente ci saranno due giorni di test MotoGP in ottica 2020.

I piloti della classe MotoGP avranno a disposizione tre tipi di mescola sia all’anteriore che al posteriore, soft, media e hard, tutte asimmetriche (con il lato sinistro più duro per far fronte alle alte sollecitazioni in quel punto della gomma), come già accaduto al Sachsenring e a Phillip Island.

In caso di pioggia le mescole saranno soft e medie con le posteriori asimmetriche con il lato sinistro più duro , mentre le anteriori saranno simmetriche.

Dichiarazioni Piero Taramasso, Responsabile due ruote, Michelin Motorsport GP Valencia

“Valencia è una pista davvero unica in quanto è l’unica all’interno di uno stadio, e questo comporta sfide specifiche sia dal punto di vista del layout che del periodo dell’anno in cui si disputa il GP. Questa parte della Spagna può avere bel tempo, l’ideale per correre a novembre, ma può anche fare molto freddo la mattina. Per combattere questo, abbiamo bisogno di una gomma che possa riscaldarsi rapidamente e funzionare quando la pista si riscalda, oltre a ad essere performante in tutti i turni. Il lato sinistro non ha mai molte possibilità di raffreddarsi poiché le moto trascorrono molto tempo in piega su quel lato, quindi l’asimmetria del pneumatico deve essere perfettamente progettata per soddisfare tali esigenze. Questa è l’ultima gara dell’anno, ma nel suo insieme è una delle più importanti in quanto vedremo il primo vincitore del Mondiale MotoE e poi inizieremo a lavorare per il 2020, visto che avremo due giorni di test dopo la gara.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati