MotoGP | Gp Malesia: Taramasso (Michelin), “Circuito che chiede molto alle gomme”

Taramasso ha aggiunto: "Il GP della Malesia è una gara molto importante"

MotoGP | Gp Malesia: Taramasso (Michelin), “Circuito che chiede molto alle gomme”MotoGP | Gp Malesia: Taramasso (Michelin), “Circuito che chiede molto alle gomme”

MotoGP 2019 GP Malesia Sepang – Il Motomondiale torna subito in pista a Sepang (Malesia), per l’ultima gara del trittico, prima del gran finale di Valencia.

La Michelin è pronta ad affrontare un circuito dove le alte temperature e l’elevato rischio di pioggia mettono a dura prova gli pneumatici.

I piloti della classe MotoGP avranno a disposizione tre tipi di mescola sia all’anteriore che al posteriore, soft, media e hard, con le prime simmetriche e le posteriori asimmetriche con il lato destro più duro per far fronte alle maggiori sollecitazioni a cui è sottoposta quella parte della gomma.

In caso di pioggia le mescole saranno soft e medie con le posteriori asimmetriche con il lato destro più duro per le stesse motivazioni delle slick.

Dichiarazioni Piero Taramasso, Responsabile due ruote, Michelin Motorsport GP Malesia Sepang

“La fine di questo lungo ed estenuante tour in Asia e Oceania sta volgendo al termine, ma ciò non significa che siamo pronti a rilassarci, perché il GP della Malesia è una gara molto importante e anche quella che richiede il massimo rispetto. Negli ultimi tre eventi abbiamo trovato un mix del meteo, dalla pioggia torrenziale alle alte temperature e ora arriviamo ad un fine settimana malese, senza il freddo che abbiamo sofferto in Australia! Probabilmente abbiamo più dati da Sepang di qualsiasi altro circuito, ma è comunque una pista che richiede un rispetto totale, poiché è molto tecnica, ha una superficie abrasiva e di solito l’asfalto può essere molto caldo. Questo è uno dei tracciati in cui le gomme affrontano la possibilità della più grande differenza di condizioni, non solo durante il fine settimana, ma ogni ora, poiché si può alternare una pioggia torrenziale ad una pista asciutta in pochissimo tempo.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati