Superbike | Leon Camier è il nuovo pilota del Team Barni Racing

Per lui termina l’avventura in Honda: ora è pronto a una nuova sfida

Superbike | Leon Camier è il nuovo pilota del Team Barni RacingSuperbike | Leon Camier è il nuovo pilota del Team Barni Racing

Tutte le pedine cominciano a muoversi per il 2020: il BARNI Racing Team ha annunciato che Leon Camier si unirà alla squadra la prossima stagione, in sella alla Ducati Panigale V4 R.

Il pilota inglese potrà provare per la prima volta la moto in occasione dei test al MotorLand Aragon, il 13 e il 14 novembre.

Dopo due anni di permanenza, l’ultimo dei quali costellato purtroppo di infortuni che gli hanno fatto saltare buona parte di questa stagione, Camier é pronto a una nuova sfida, con un nuovo costruttore con cui vuole mettere la parola fine a sei anni di assenza sul podio.

Parlando dell’accordo, Camier ha espresso la sua gioia e i suoi obiettivi in merito alle nuove sfide che lo attendono: “Non vedo l’ora che arrivi la prossima stagione, userò tutta le mie capacità di sviluppo per raggiungere risultati di livello insieme a Marco e al suo team. Hanno uno stretto legame con la casa costruttrice, oltre a una grande passione e ottimi ingegneri a guidare il gruppo che resta sempre concentrato sui risultati e credo che lavoreremo molto bene insieme. Ora però il mio obiettivo è prima di tutto quello di chiudere la stagione in Qatar nel miglior modo possibile insieme al mio team attuale”.

Il Team Principal Marco Barnabò è orgoglioso della firma: “Sono molto entusiasta dell’accordo raggiunto con Leon, ha dimostrato di apprezzare molto il nostro team ed ha una grande motivazione. Siamo consapevoli che insieme possiamo raggiungere ottimi risultati. Come ogni anno dovremo lavorare duro ma come sempre tutto il mio gruppo si impegnerà al massimo e voglio ringraziare tutti per il grande lavoro che hanno fatto nello sviluppo della moto. Ringrazio anche gli sponsor che ci hanno sostenuto e che saranno con noi anche nel 2020”.

Leggi altri articoli in Superbike

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati