MotoGP | Gp Brno Day 1: Petrucci, “Sono un po’ in difficoltà, ma c’è margine” [VIDEO]

Parlando di Luca Semprini, addetto stampa Ducati scomparso pochi giorni fa, ha detto: "Voglio ricordarlo con l'espressione che aveva quando ci siamo abbracciati dopo la vittoria al Mugello"

MotoGP | Gp Brno Day 1: Petrucci, “Sono un po’ in difficoltà, ma c’è margine” [VIDEO]MotoGP | Gp Brno Day 1: Petrucci, “Sono un po’ in difficoltà, ma c’è margine” [VIDEO]

MotoGP Gp Repubblica Ceca Ducati Day 1Danilo Petrucci ha chiuso la prima giornata di prove libere del Gran Premio della Repubblica Ceca, decima tappa del Motomondiale 2019, con il decimo tempo.

Il pilota Ducati ha avuto qualche difficoltà nel corso della prima sessione, chiusa con il tredicesimo tempo, mentre nel pomeriggio di Brno è riuscito a migliorare conquistando una top ten fondamentale. Per domani infatti è prevista pioggia e chiudere nei dici permette al pilota di accedere direttamente alla Q2. Nel corso della FP1 Petrucci è sceso in pista con una nuova carena, con la quale ha però percorso pochi giri. Le sensazioni sono buone e sicuramente nei prossimi giorni la proverà nuovamente.

Dichiarazioni Danilo Petrucci GP Repubblica Ceca MotoGP

“E’ stato complicato partire con le gomme dure, non eravamo velocissimi. Non c’è molto grip e c’è molto degrado, sarà una gara in gestione. Sono un po’ in difficoltà in percorrenza e staccata, è la classica coperta corta, ma c’è margine. Dovi e Jack sono andati forte e quindi posso migliorare. Abbiamo capito la situazione e domani spero di fare meglio, sperando nel meteo. La nuova carena è buona, spero di usarla domani. E’ un passo avanti e stamattina ha aiutato nei punti dove soffro. Sono contento di aver trovato qualcosa di nuovo sviluppato nel corso della pausa estiva.”

Il pilota ternano ha poi parlato della recente scomparsa di Luca Semprini, addetto stampa Ducati, venuto a mancare improvvisamente mercoledì scorso: “Luca era una vecchia conoscenza. L’ho conosciuto quando sono arrivato nel paddock e faceva parte di Ducati ormai da tre anni. Era un carissimo ragazzo parlavamo di qualsiasi cosa. E’ stato uno shock, un fulmine a ciel sereno. Al Mugello è stato il primo che ho abbracciato al parco chiuso. Voglio ricordarlo con quell’espressione.”


Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati