Moto3 | Gp Jerez Gara: Antonelli, “Mi godo il momento e sono felicissimo”

Suzuki: "Marco ha vinto qui la prima volta, come noi, vuol dire che qualcosa c'è"

Moto3 | Gp Jerez Gara: Antonelli, “Mi godo il momento e sono felicissimo”Moto3 | Gp Jerez Gara: Antonelli, “Mi godo il momento e sono felicissimo”

Impossibile oggi trattenere l’emozione, un tuffo al cuore che ci rimanda a  quando il Sic conquistava la sua prima vittoria in carriera proprio nel circuito di Jerez… Oggi, a distanza di quindici anni, un altro ricciolone è salito sul gradino più alto del podio, con un 58 stampato sulla tuta e inciso nel cuore. Il sogno di Marco Simoncelli, non è finito quel maledetto 23 ottobre 2011, continua, nella grinta, nella tenacia di due giovani piloti, e nelle lacrime di papà Paolo, che abbiamo tutti nel cuore. Finalmente, il team Sic58 Squadra Corse, ha ottenuto la sua prima vittoria con Niccolò Antonelli, seguito dal suo compagno di squadra, Tatsuki Suzuki. 

Niccolò Antonelli: “Una gara stupenda, weekend super combattuto, penso che ce la siamo meritati sia io che Tatsu perché siamo stati velocissimi tutto il fine settimana; poi la squadra, Paolo, la mia famiglia…molto bello! Questi ultimi quattro anni sono stati molto duri, per fortuna ho avuto delle persone che hanno creduto sempre in me, anche io ho sempre creduto in me e questo ha aiutato molto a farmi stare tranquillo e a tornare ai miei livelli. Il mondiale è ancora lunghissimo ma sento di poter lottare per le posizioni che contano, mi godo il momento e sono felicissimo, è stupendo essere tornato in prima posizione. Penso che in tutte le squadre bisogna stare bene per andare forte, Paolo in questo è molto bravo, come i ragazzi del team”.

Tatsuki Suzuki: “Ho provato a spingere subito dal primo giro perché sapevo che in questa pista, quando si crea il gruppo, fai fatica a sorpassare. Negli ultimi tre giri, ho sbagliato la staccata alla curva 6, sono arrivato un pochino lungo, mi hanno sorpassato Vietti, Canet e Kornfeil così ho deciso di dare tutto e all’ultimo giro alla nove, sono entrato come un matto dentro Vietti. Per fortuna non sono caduto! Sono molto contento perché Marco ha vinto qui la prima volta, e qui noi abbiamo fatto la doppietta, quindi qualcosa c’è…”.

 

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Moto3

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati