MotoGP | Gp Jerez Day 1: Morbidelli, “Quando sale la temperatura è difficile andare veloci”

Dall'altra parte del box, Fabio Quartararo: "Le prime impressioni sono positive"

MotoGP | Gp Jerez Day 1: Morbidelli, “Quando sale la temperatura è difficile andare veloci”MotoGP | Gp Jerez Day 1: Morbidelli, “Quando sale la temperatura è difficile andare veloci”

MotoGP Gp Jerez Petronas Yamaha Day 1 – Prima giornata di prove libere del Gran Premio di Spagna non del tutto positive per i piloti del team Petronas Yamaha. Da una parte il rookie Fabio Quartararo ‘festeggia’ per essersi piazzato nella top ten, dall’altra parte, Franco Morbidelli, l’ha mancata per un soffio.

Il pilota italo-brasiliano ha chiuso la giornata con l’undicesimo tempo. Il #21 ha realizzato la propria migliore prestazione nel corso del primo turno, mentre nel pomeriggio, con temperature più alte ha avuto qualche difficoltà in più.

Queste le parole di Franco Morbidelli: “C’è voluto tempo per trovare il setup perfetto per il livello di grip di questo pomeriggio. Abbiamo notato che quando la temperatura era più alta, era difficile per noi sentici a proprio agio e anche andare veloci. Abbiamo solo usato la gomma morbida al mattino, quindi nelle FP2 non siamo stati in grado di fare un grande tempo. Abbiamo lavorato sodo e testato le diverse mescole per cercare di capire meglio la moto e adattarci alla guida in queste condizioni calde. In termini di asfalto, la curva 8 è un po’ sconnessa, ma a parte questo piccolo dettaglio, la superficie va bene. Guardando al futuro, nella FP3 cercheremo di fare un passo in avanti per entrare nella Top 10 e ottenere un posto in Q2”.

Dall’altra parte del box, Fabio Quartararo, è riuscito ad essere competitivo in entrambi i turni, con un leggero peggioramento nel secondo turno, causato anche in questo caso dall’aumento delle temperature.

Queste le parole di Fabio Quartararo: “Oggi è stato molto positivo. Abbiamo provato tutte le mescole per le diverse gomme e sono molto contento perché mi sento bene con ognuna di esse. Abbiamo trovato sia un buon tempo sul giro che un passo costante abbastanza buono. Continueremo a lavorare su questo domani, ma le prime impressioni sono positive. La differenza principale tra come ci siamo sentiti al test pre-campionato qui a Jerez e ora, è che a novembre avevo avuto solo 15 giorni di esperienza con la moto. Sono soddisfatto anche del nuovo asfalto. Dobbiamo pensare alla nostra strategia per domani, ma la cosa più importante è entrare direttamente in Q2, che credo sia l’obiettivo di tutti. Dovremo lavorare sodo per ottenere un buon tempo sul giro in FP3 e dare il 100% in qualifica. “

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati