Superbike | Regolamento: diminuzione dei giri motore per Ducati

Aumentati invece quelli della Honda Fireblade. A parere di tutti però dovrebbe cambiare bene poco

Superbike | Regolamento: diminuzione dei giri motore per DucatiSuperbike | Regolamento: diminuzione dei giri motore per Ducati

A seguito del clamore mediatico suscitato dalle prestazioni della Ducati Panigale V4 R, dominatrice assoluta con Bautista dei primi tre Round della stagione, la FIM corre ai ripari.

Attraverso un comunicato ufficiale rende infatti noto che, ai fini di bilanciare le prestazioni delle moto partecipanti al campionato mondiale Superbike, il regime di rotazione dei motori della Ducati Panigale V4 verrà ridotto di 250 giri, già a partire dal prossimo round di Assen.
Le moto di Bautista, Davies, Rinaldi e Laverty passeranno dagli attuali 16.350 a 16.100, mentre le Honda Fireblade potranno invece aggiungere 500 giri ai loro propulsori, che passeranno da 14.550 a 15.050.

In conseguenza dello speciale regolamento che, oltre ad assegnare 3 punti al primo classificato, 2 al secondo ed 1 al terzo, concede a tutte le moto che hanno raccolto meno di 9 punti di poter utilizzare le cosiddette “concession parts”.
Questi sono aggiornamenti del motore riguardanti le molle delle valvole, l’albero a camme ed i valori di compressione: fatta eccezione per Ducati e Kawasaki, che hanno raccolto rispettivamente 20 e 13 punti, tutti gli altri team le potranno apportare degli aggiornamenti ai loro motori.

Tutto questo a partire dal prossimo round di Assen, che inizierà venerdì 12 aprile: a detta di molti però sostanzialmente non dovrebbe cambiare molto dato che togliere 250 giri ad un motore che ne ha 16.350 non ne diminuisce certo il potenziale.

Per quanto riguarda invece la Honda, avere a disposizione 500 giri potrebbe permettergli di gestire meglio i rapporti finali delle Fireblade, quindi avere dei benefici soprattutto su quelle piste dove ci sono curve lente.

Superbike | Regolamento: diminuzione dei giri motore per Ducati
5 (100%) 1 vote[s]
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

2 commenti
  1. Avatar

    frenk

    12 aprile 2019 at 09:58

    E TUTTO SBAGLIATO,NON E LA DUCATI CHE E SUPERIORE MA BENSI IL PILOTA CHE E PIU FORTE ,SE FOSSE LA DUCATI , TUTTI I PILOTI CHE LA GUIDANO SAREBBERO DAVATI A TUTI INSIEME A BAUTISTA,PERCIO E TUTTO ENA STRONZATA IN QUESTO MODO PENALIZZANO IL PILOTA CHE SA SFRUTTARLA MEGLIO E ANCHE TUTTI GLI ALTRI CHE CERCANO DI SFRUTTARLA, E UN REGOLAMENTO
    DEL CAVOLO

  2. Avatar

    TONYKART

    12 aprile 2019 at 10:12

    mi sembra un campionato stupido,c’e’ un pilota che guida molto molto bene e ottiene grandi prestazioni insieme alla ducati,il regolamento dovrebbe appianare le prestazioni delle moto,in questo caso vorrebbe penalizzare il migliore pilota e forse anche il marchio,che ultimamente da molto fastidio ovunque….forza ducati!

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati