Superbike | Thailandia: Rea a caccia del riscatto

Il Campione in carica non vuole perdere ulteriore terreno da Bautista

Superbike | Thailandia: Rea a caccia del riscattoSuperbike | Thailandia: Rea a caccia del riscatto

Per Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) il Round inaugurale del Campioanto a Phillip Island è stato come una doccia fredda: per la prima volta infatti non ha avuto i mezzi per avere la meglio contro un avversario ostico come Alvaro Bautista e una Ducati Panigale V4 davvero impressionante.

Con la tripletta incassata dallo spagnolo, per il Campione in carica è già tempo di rincorrere: al Buriram lui e la Kawasaki sono chiamate al riscatto.

“Ho sempre detto che non avremmo potuto vincere per sempre e che un giorno ci sarebbe stato qualcuno in grado di starmi davanti – ha detto Rea – Ho vinto il titolo negli ultimi quattro anni ma forse è finita questa epoca. Non penso che sia giunto quel momento. Penso che abbiamo solo bisogno di continuare a lavorare. Ci sono ancora molte gare. Con Pere (Riba) sappiamo come fare e siamo già stati in situazioni simili in passato. Ho migliorato la mia preparazione durante l’inverno. Sono molto orgoglioso di quello che abbiamo ottenuto negli ultimi anni. Devi sempre cercare delle motivazioni. È molto facile dopo che hai vinto un titolo o due aprire al massimo la manopola del gas e avere la sensazione di averlo già fatto prima”.

“L’anno scorso abbiamo concluso il primo round dietro a Melandri. Siamo stati martellati per tutta la stagione ma alla fine abbiamo vinto con quasi 200 punti e questo perché non ho mai pensato ah, ce l’ho fatta. Se ho ricevuto dei contraccolpi non sono stati abbastanza e ho comunque continuato a lavorare. Mi piace la competizione, mi carica. adesso, Alvaro sembra essere l’uomo del momento, tutti parlano di lui ma lo sapremo con certezza solo dopo alcune gare. Quando arriveremo in Europa capiremo il vero livello della competizione”.

Con Bautista che ha stra-vinto durante il primo appuntamento della stagione, Rea ha profondo rispetto per il leader della classifica ma nella sua mente, dopo un solo round, è difficile non pensare anche all’altro pilota Ducati e agli altri rivali che ha avuto negli ultimi quattro anni.

“Sono contento di aver un rivale come Alvaro ma ci siamo battuti in una sola gara. Quando penso alla mia carriera è difficile concentrarsi su un’unica gara per pensare ad un rivale. Da quando corro con Kawasaki, e anche quando ero in Honda, Chaz Davies è sempre stato uno dei mie più grandi avversari, tanto in pista come fuori”.

Superbike | Thailandia: Rea a caccia del riscatto
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Primo Piano

Superbike | Thailandia: Bautista cerca conferme

Il ducatista affronta il secondo Round della stagione con l’obiettivo di mantenere alta la concentrazione
Condividi su WhatsApp Dopo la tripletta di Phillip Island, Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati) si prepara ad affrontare il