MotoGP | Ducati, festa neutralizzata in Qatar: il punto di Guido Meda da Losail [VIDEO]

Vittoria sub-judice fino a quando la FIM non farà luce sul caso

MotoGP | Ducati, festa neutralizzata in Qatar: il punto di Guido Meda da Losail [VIDEO]MotoGP | Ducati, festa neutralizzata in Qatar: il punto di Guido Meda da Losail [VIDEO]

Intervenuto a Sky Sport 24 nel corso della serata di ieri, Guido Meda ha chiarito alcuni punti poco chiari della vicenda Ducati, sottolineando come la festa per la vittoria di Andrea Dovizioso a Losail sia stata neutralizzata dal ricordo presentato da diversi rivali su un particolare tecnico installato sulle GP19 ufficiali di Jack Miller, Danilo Petrucci e dello stesso Andrea Dovizioso.

Secondo quanto riportato dal giornalista di Sky, Honda e le squadre affiliate in questa protesta (Aprilia, Suzuki e KTM.ndr) riterrebbero lo spoiler installato sul forcellone posteriore della GP19 non regolare e influente sull’aerodinamica della moto, aspetto che chiaramente andrebbe a scontrarsi con quanto riportato nel Regolamento sportivo in vigore per il mondiale 2019.

La decisione, visto l’appello in secondo grado presentato dalle squadre, verrà decisa nei prossimi giorni all’interno degli ufficiali generali della FIM a Ginevra.


MotoGP | Ducati, festa neutralizzata in Qatar: il punto di Guido Meda da Losail [VIDEO]
Vota questo articolo
Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

5 commenti
  1. nandop6

    11 marzo 2019 at 14:25

    Se ha passato l’idoneità prima dell’inizio del campionato non possono annullargli la vittoria. Sti giapponesi hanno scocciato, prima le alette ora questo…..

  2. alekimi

    11 marzo 2019 at 15:01

    …chiamasi regolamento

  3. frenk

    12 marzo 2019 at 10:19

    STI GIAPPONESI SONO DEI COPIONI E NON CI STANNO A PERDERE CON LA GENIALITA DEGLI ALTRI, PRIMA LE ALETTE CHE ERANO PERICOLOSE ,E LORO POI LE ANNO MESSE , ORO CON LO SPOILER

  4. TONYKART

    12 marzo 2019 at 18:25

    i giapponesi non ci stanno a essere dietro a una moto italiana,a un ingegnere italiano che e’ avanti anni luce a loro come mentalita’,i samurai combattevano con dignita’ i giapponesi di oggi preferiscono eliminarti con un tribunale,fanno pena

  5. alekimi

    12 marzo 2019 at 23:17

    ma xke’ incarognirsi tanto?
    Una volta accertato che quel tipo di accessorio non da’ alcun tipo di vantaggio, l’udienza e’ tolta.
    Ma chiedere di verificare non mi sembra cosi cattivo.
    E cmq la KTM e’ austriaca non giapponese…

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati

Primo Piano

Superbike | Thailandia: Bautista cerca conferme

Il ducatista affronta il secondo Round della stagione con l’obiettivo di mantenere alta la concentrazione
Condividi su WhatsApp Dopo la tripletta di Phillip Island, Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati) si prepara ad affrontare il