MotoGP | Gp Qatar Conferenza Stampa: Dovizioso, “Test strani, ma non sono preoccupato”

Dovizioso ha aggiunto: "Penso che potremmo essere competitivi"

MotoGP | Gp Qatar Conferenza Stampa: Dovizioso, “Test strani, ma non sono preoccupato”MotoGP | Gp Qatar Conferenza Stampa: Dovizioso, “Test strani, ma non sono preoccupato”

Conferenza Stampa MotoGP Gp Qatar – Andrea Dovizioso ha parlato durante la conferenza stampa del Gran Premio del Qatar, gara inaugurale della MotoGP 2019, che si disputerà domenica alle ore 18:00 italiane sul circuito di Losail.

Il pilota della Ducati, vincitore lo scorso anno davanti a Marc Marquez e Valentino Rossi non sa esattamente cosa aspettarsi, perchè nei test invernali quasi tutti i piloti ufficiali sono andati forte. Ecco cosa ha detto “DesmoDovi” alla vigilia della prima giornata di prove libere.

“Non saprei, i test sono stati strani in Malesia ma soprattutto in Qatar. Nell’ultima giornata c’era molto vento. E’ difficile analizzare il livello degli avversari, ogni pilota lavora in modo diverso, come ha detto Marc (Marquez, ndr) tutti possono essere veloci. Questa stagione può essere diversa perchè tutti sembrano migliorati, non so cosa aspettarmi da questa gara – ha detto Andrea Dovizioso – Penso che potremmo essere competitivi, ma se analizziamo i test non sembrerebbe, ma non sono troppo preoccupato. Dobbiamo lavorare bene nel weekend e molto dipenderà da quanto sarà intenso il vento. Possiamo partire con fiducia ma ogni stagione è diversa. Il Mondiale 2018 è stato strano, ho commesso qualche errore, verso la fine però siamo migliorati su piste dove solitamente non andavamo bene. E’ difficile prevedere che stagione sarà, non conosciamo il vero valore degli avversari.”

SIGNIFICATO MOTOGP

“La MotoGP è passione, c’è sempre bisogno di migliorare, è uno show e ogni anno i fan aumentano e questo è molto bello.”

HONDA REPSOL

“Sarà bello vedere battagliare Marc (Marquez, ndr) e Jorge (Lorenzo, ndr), non so se sarà una cosa positiva o negativa per noi.”

Leggi altri articoli in MotoGP

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati