Superbike | Phillip Island, Gara2: weekend da sogno per Bautista

Lo spagnolo fa volare la Panigale V4 e ottiene una clamorosa tripletta nel primo Round della stagione

Superbike | Phillip Island, Gara2: weekend da sogno per BautistaSuperbike | Phillip Island, Gara2: weekend da sogno per Bautista

Un weekend così Alvaro Bautista l’avrà certamente sognato ma non siamo sicuri che se lo aspettasse davvero: per il pilota spagnolo é stato un esordio perfetto con tre vittorie convincenti che hanno mostrato il potenziale della Panigale V4 e tutto il suo talento nel guidarla.

Dopo il trionfo in Gara1, Bautista non ha lasciato nulla agli avversarsi nelle due corse di oggi, ottenendo una clamorosa tripletta che lo proietta già nella storia delle derivate di serie.

Con questo bottino, Bautista balza subito al comando della classifica con 62 punti, 13 di vantaggio su Jonathan Rea, il grande sconfitto di questo weekend.

“È stato un week end perfetto e non poteva cominciare meglio il mio esordio in SBK!” – ha commentato Bautista – “abbiamo raccolto il massimo bottino vincendo Gara1, Superpole race e Gara2. Se mi avessero detto prima che avrei vinto tre gare non ci avrei creduto ma abbiamo lavorato molto bene durante i test per preparare una moto fantastica. Nella Superpole Race di questa mattina mi sono divertito molto a lottare con Rea, sapevo che sarebbe stato molto competitivo e che avrebbe provato a mettermi sotto pressione. Il ritmo è stato incredibile, ho cercato di tenere alta la concentrazione e alla fine ho avuto la meglio. In Gara2 le condizioni erano molto difficili, era importante salvaguardare le gomme a causa dell’elevata temperatura dell’asfalto, quindi ho spinto nei primi giri per cercare di amministrare nel finale. Sono davvero molto contento dei risultati, oggi è un giorno che ricorderò per sempre! Non dobbiamo abbassare la guardia continuando a lavorare sodo, siamo solo all’inizio e mi aspetto un campionato di altissimo livello”.

Unica nota stonata in casa Ducati, la prestazione complessiva di Chaz Davies, sottotono è lontano dal conquistare un buon feeling con la moto, anche se molto dipende dalle non perfette condizioni fisiche con cui è arrivato in Australia.

Il gallese ha però mostrato qualche segno di miglioramento in Gara2 grazie a modifiche importanti al set-up della sua Panigale V4 R che l’hanno resa più agevole da guidare.

“Abbiamo fatto dei piccoli progressi in gara 2 e avevo più fiducia con la mia Panigale V4 R” – ha detto Davies – “considerando il risultato di ieri e non avendo nulla da perdere, i ragazzi oggi hanno fatto delle modifiche importanti al set up permettendomi di migliorare leggermente il mio passo gara. Ovviamente sono un po’ deluso perché non ci aspettavamo questo risultato ma abbiamo raccolto tanti dati utili che ci permetteranno di prepararci al meglio per la prossima gara. Voglio fare i complimenti ad Alvaro, è stato impressionante e ha fatto un week end straordinario”.

Vota questo articolo
Leggi altri articoli in Primo Piano

Lascia un commento

1 commento
  1. Avatar

    frenk

    25 febbraio 2019 at 11:05

    qualcuno sa mai spigarmi perche della SBK non mettono mai le classifica aggiornata, e per caso una figlia che nonb conta?

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati