Superbike | Phillip Island, Gara2: inarrestabile Bautista

Lo spagnolo conclude il Yamaha Finance Australian Round con una tripletta

Superbike | Phillip Island, Gara2: inarrestabile BautistaSuperbike | Phillip Island, Gara2: inarrestabile Bautista

Il Yamaha Finance Australian Round, primo appuntamento del Campionato Mondiale delle derivate di serie 2019, si conclude con la vittoria in Gara2 di Alvaro Bautista (ARUBA.IT Racing – Ducati) che mette così a segno una strepitosa tripletta.

Lo spagnolo è il primo pilota della storia della categoria a vincere entrambe le gare nel weekend del debutto dopo John Kocinski a Misano nel 1996.

Preso il comando della gara dalla Curva 1, Bautista ha iniziato a prendere margine da Leon Haslam (Kawasaki Racing Team WorldSBK), che da parte sua ha cercato di superare il suo compagno di squadra Jonathan Rea alla Curva 4.

Michael van der Mark (Pata Yamaha WorldSBK Team) fa un inizio di campionato veloce centrando il quarto posto in classifica mentre Michael Ruben Rinaldi è stato autore di una scalata dall’ottava alla quinta posizione in pista piazzandosi persino davanti a Marco Melandri (GRT Yamaha WorldSBK) col sesto tempo.

Alla Curva 1 del secondo giro, Eugene Laverty (Team Goeleven) ha fatto un’apparizione nella sesta posizione riuscendo a superare Melandri ma il ravennate ha risposto al favore riprendendosi la sesta piazza subito dopo. Melandri si è fatto largo da van der Mark e ha iniziato a chiudere anche il distacco dalla coppia del KRT. Invece Bautista continuava ad aumentare il gap dal resto dei piloti in pista dimostrando tutta la velocità della V4 R portandosi a mezzo secondo di vantaggio dai due piloti Kawasaki.

A seguire il ravennate ci sono van der Mark e Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team) in sesta piazza. Più avanti c’era Chaz Davies (ARUBA.IT Racing – Ducati) che stava facendo notevoli progressi con la sua moto raggiungendo la nona piazza dopo essere partito dalla 16esima casella.

La rivalità tra Bautista e Rea è entrata nel vivo in questo primo fine settimana anche se il campione del mondo in carica un nuovo nemico c’è l’ha al box. Dal settimo giro il poi, il pilota nord-irlandese è partito all’attacco di Haslam alla Curva 1 con una mossa al limite ma poi l’inglese ha riportato Rea alle sue spalle dopo un sorpasso più tradizionale alla Curva 4.
Dietro i battimenti tra i piloti Kawasaki, le Yamaha di Melandri e van der Mark impostano una giornata di crescita e di avvicinamento alla vittoria dimostrandosi pronti a duelli e sfide per di arrivare a essere i primi a tagliare il traguardo.

Nonostante tutte le battaglia con i piloti del Kawasaki Racing Team e con quelli della Yamaha, Bautista scappa verso un’altra vittoria in solitaria. Il campione del mondo 2006 ha tagliato il traguardo per primo dopo essersi assicurato il primo tempo in Gara 1 e nella Tissot Superpole Race.

Alla fine dei giochi, Rea ha conquistato il secondo posto davanti ad Haslam mentre van der Mark è appena fuori dal podio davanti al compagno di squadra Alex Lowes seguito da Marco Melandri autore di una splendida rimonta per il sesto posto. Chaz Davies è settimo dopo un weekend davvero difficile e lontano dai riflettori. Il campione in carica della WorldsSP, Sandro Cortese è invece ottavo seguito da Eugene Laverty e da Leon Camier.

Superbike | Phillip Island, Gara2: inarrestabile Bautista
1 (20%) 1 vote[s]
Leggi altri articoli in In evidenza

Lascia un commento

5 commenti
  1. Avatar

    Takaya

    24 febbraio 2019 at 12:52

    15 e 18 secondi di distacco al secondo ……
    Mah….

  2. Avatar

    MSC crociere

    24 febbraio 2019 at 15:55

    Aver corso ai massimi livelli del motociclismo per 15 anni vorrà pur dire qualcosa…Tra l’altro con la Ducati clienti degli ultimi anni è andato veramente forte

  3. Avatar

    Takaya

    24 febbraio 2019 at 17:31

    Si certo bauitista correva in MotoGP , pero neanche biaggi non vinceva con tanto vantaggio,anzi non mi ricordo una gara sia di superbike o MotoGP , con un distacco così abissale …..
    Oppure tutti i piloti di superbike sono delle lumache….

    • Avatar

      frenk

      25 febbraio 2019 at 11:08

      e le classifiche? nche fine anno fatto? forse per la figlia povera non si publicano.

  4. Avatar

    frenk

    25 febbraio 2019 at 11:10

    ECCO QUA
    1 ALVARO BAUTISTA 62 DUCATI
    2 JONATHAN REA 49 KAWASAKI
    3 MARCO MELANDRI 30 YAMAHA
    4 ALEX LOWES 30 YAMAHA
    5 MICHAEL VAN DER MARK 29 YAMAHA
    6 LEON HASLAM 24 KAWASAKI
    7 SANDRO CORTESE 19 YAMAHA
    8 CHAZ DAVIES 15 DUCATI
    9 TOM SYKES 12 BMW
    10 EUGENE LAVERTY 12

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati