MotoGP | Test Qatar Day 1: Valentino Rossi, “Sensazioni positive rispetto allo scorso anno”

Rossi ha aggiunto: "Dobbiamo lavorare tanto perchè nel 2017 e nel 2018 abbiamo accumulato tanto svantaggio"

MotoGP | Test Qatar Day 1: Valentino Rossi, “Sensazioni positive rispetto allo scorso anno”MotoGP | Test Qatar Day 1: Valentino Rossi, “Sensazioni positive rispetto allo scorso anno”

Monster Yamaha MotoGP Test Qatar Day 1 – Valentino Rossi ha ottenuto il quinto tempo nella prima giornata di test IRTA della classe MotoGP in Qatar, al Losail International Circuit.

Il #46 della Yamaha ha lavorato sul setting della sua Yamaha M1 alla ricerca del maggior grip al posteriore, vero tallone d’achille della M1 nelle passate stagioni.

Il responso lato elettronico è stato abbastanza positivo, mentre come sottolineato anche dal suo team mate Vinales, la moto della casa di Iwata manca ancora di velocità massima. Ecco cosa ha detto Rossi al termine della prima giornata di prove.

REPORT DAY 1

“Nel momento centrale con il secondo set di gomme non mi sono trovato molto bene e non ero particolarmente veloce. Però poi alla fine abbiamo messo la gomma soft ed abbiamo fatto dei giri abbastanza buoni – ha detto Valentino Rossi – dobbiamo ancora lavorare, perchè qui c’è poco grip e la moto si muove abbastanza dietro, quindi ci sono un pò di cose da fare. Come prima giornata è stata comunque positiva.”

SETTING ED ELETTRONICA

“Rispetto al test della Malesia stiamo facendo un lavoro molto diverso, perchè a Sepang abbiamo provato le cose fatte questo inverno in giappone, mentre qui non avendo nulla di nuovo stiamo lavorando sul setting e sull’elettronica della moto. Lavoriamo in ottica prima gara, ma come ha anche detto Maverick (Vinales, ndr) come velocità di punta siamo un pò indietro rispetto a Ducati e Honda.”

YAMAHA M1 2019

“Le sensazioni rispetto allo scorso anno sono molto positive. Stiamo lavorando nella giusta direzione e in Malesia abbiamo provato delle cose che ci hanno fatto migliorare, però ancora la strada è lunga.”

MotoGP a 40 anni

“Rispetto a prima dei 40 mi fa male la schiena alla sera ma per il resto è ok! (ride, ndr).”

PENALITA’ GARA PER CONTATTO O TRACK LIMIT

“La nuova regola prevede che in caso di contatto con altro pilota o track limit ecceduto più volte, invece di dare una posizione, in questo caso alla curva sei, c’è una traiettoria tracciata con della vernice bianca da seguire dove si percorrerà più strada.”

SENSAZIONI RISPETTO AL 2018

“Sono abbastanza contento, la mia idea è che dobbiamo lavorare tanto perchè nel 2017 e nel 2018 abbiamo accumulato tanto svantaggio rispetto ad Honda e Ducati ufficiali e anche dalla Suzuki. Il gap accumulato è stato tanto e non è facile recuperare, ma sono soddisfatto. C’è anche da dire che Sepang e Losail sono due piste dove sono andato sempre forte, però la cosa che mi piace è l’atmosfera del gruppo di lavoro, ora si rema tutti dalla stessa parte.”

COACH CADALORA VS GAVIRA

“Mi trovo molto bene con Idalio, un pò me lo aspettavo, perchè tutti i piloti della Academy sono “innamorati”. Con Cadalora lavoravamo più sul setting della moto, perchè quello è il suo punto forte, mentre con Idalio ci concentriamo più sulla mia guida, un lavoro un pochino diverso.”

Leggi altri articoli in In evidenza

Lascia un commento

You must be logged in to post a comment Login

Articoli correlati